Caricamento in corso...
07 luglio 2016

La Mercedes: "Nessun ordine a Lewis e Nico"

print-icon
aus

Il contatto tra Hamilton e Rosberg nel corso dell'ultimo Gran Premio d'Austria

Dopo una riunione al quartier generale di Brackley, la scuderia tedesca annuncia: "Non daremo nessun ordine di scuderia, i piloti sono liberi di correre. Abbiamo però rafforzato le regole d'ingaggio"

Non ci sarà nessun ordine di scuderia. I piloti Mercedes continueranno a correre liberi. Lo ha deciso la Mercedes al termine di un incontro al quartier generale di Brackley a cui hanno partecipato oltre ai due piloti Lewis Hamilton e Nico Rosberg, anche Toto Wolff e Paddy Lowe. "Abbiamo informato i nostri piloti che rimarranno liberi di correre per il Mondiale. Crediamo che questa sia l’essenza della Formula 1, anche se tra compagni di scuderia" si legge in una nota ufficiale della scuderia tedesca.

 

 

La libertà, tuttavia incontra dei limiti: "Il dovere di rispettare i valori del team. Nelle ultime cinque gare - si legge inoltre -, ci sono stati tre incidenti che ci sono costati 50 punti nel campionato costruttori. Siamo stati quindi costretti a rafforzare le nostre regole d’ingaggio includendo dei deterrenti per evitare contatti tra le nostre due auto". Con queste regole, c’è maggior fiducia: "I nostri piloti potranno regolare la loro situazione in pista. Poi il destino è nelle loro mani". Nel caso in cui qualcuno non dovesse rispettarle: "Abbiamo ricordato ai piloti che noi possiamo sempre impartire istruzioni nel corso delle gare contro una possibile perdita di punti nel Mondiale costruttori come è successo quest’anno nel corso del GP di Montecarlo".

Tutti i siti Sky