Caricamento in corso...
28 agosto 2016

Verstappen: "La vittima dell'incidente sono io"

print-icon

Non ci sta l'olandese a prendersi la colpa del contatto alla partenza che ha coinvolto anche le due Ferrari. E sui diversi episodi al limite con Raikkonen: "Ho gareggiato in modo corretto. Non sono stato aggressivo"

"Purtroppo la mia partenza non è stata perfetta, ma Raikkonen prima e Vettel dopo mi hanno spinto troppo verso l'interno. Loro non avrebbero dovuto spingermi in questo modo e io in questo incidente sono la vittima. Loro sono stati aggressivi con me e mi hanno distrutto la gara. Io poi non volevo lasciarli passare perché mi avevano distrutto una gara". Questo il duro commento rilasciato dal pilota della Red Bull, Max Verstappen dopo il Gran Premio del Belgio. L'olandese infine conclude rispondendo a chi gli chiedeva se l'incidente non fosse stato provocato anche dal suo stile di guida eccessivamente aggressivo. "Io non credo di essere stato molto aggressivo in gara. Io ho gareggiato in modo corretto e di questo sono sicuro perché  in caso contrario i commissari sarebbero intervenuti. Gli altri duelli dopo il primo contatto? Loro avevano compromesso la mia gara e quindi ho cercato di difendere la posizione".  

Raikkonen: "Va bene lottare ma non si può correre così" - Anche Raikkonen ha commentato l'incidente in avvio e i diversi episodi al limite con Verstappen durante la gara: "Verstappen? Va bene lottare ma dopo la curva Eau Rouge ho dovuto frenare altrimenti l'avrei colpito, mi è venuto addosso e se non avessi frenato ci sarebbe stato un grosso incidente. Va bene essere competitivi ma così non è corretto secondo me, non puoi correre così". 


 

Tutti i siti Sky