Caricamento in corso...
26 febbraio 2010

Fenomeni in campo e nel garage: ecco le auto dei calciatori

print-icon
spo

Antonio Cassano, fuoriclasse della Samp, arriva al centro sportivo di Bogliasco con la sua Audi Q5 (foto Ansa)

Costano caro ma loro possono permetterseli: sono i bolidi dei campioni. Eto'o ha un vero parco auto dove spicca una Ferrari F430 Scuderia. Un Cavallino anche nel "box" di casa Totti. Corvino, ds della Fiorentina, guida una vecchia 500. LA GALLERY

COMMENTA NEL FORUM DEL GOSSIP

COMMENTA NEI FORUM DEL CALCIO INTERNAZIONALE


di Alfredo Alberico

I big del calcio mondiale non si fanno mancare nulla. Belle donne a parte, gli stipendi da nababbi permettono loro di acquistare di tutto: da case sontuose ad abiti delle migliori griffe. Tra gli oggetti del desiderio non mancano le macchine, ovvio, lussuose anche quelle. Per alcuni l'auto è un vero e proprio vezzo. Qualcuno ne ha così tante da fare invidia a un concessionario.

È il caso di Samuel Eto'o, attaccante dell'Inter. Oltre ai gol, agli orologi e ai telefoni cellulari (circa 400), il giocatore camerunense colleziona automobili. Ai tempi del Barcellona, dunque fino alla scorsa stagione, lo si poteva vedere scorazzare per la Catalunya con un Hummer, l'enorme fuoristrada messo sul mercato negli Usa nel 1992. Nella sua autorimessa, però, si contano almeno 17 vetture. "Non so più dove metterle", ha dichiarato qualche tempo fa. Si tratta di una specie di harem del pistone dove, fra le altre, sono parcheggiate anche delle Bentley, delle Mercedes e, acquistata nel 2009, una Ferrari F430 Scuderia. Valore 208mila euro, ma il giocatore potrebbe aver speso molto di più trattandosi di una versione esclusiva, con decorazioni scelte personalmente.

Una Ferrari è anche nel box di casa Totti. Si tratta di un modello 612 Scaglietti, la cui versione base costa 272.151 euro. Un bolide che probabilmente il Pupone giallorosso non lascerà guidare alla sua dolce metà, Ilary Blasi. La 'Iena' ha confessato al settimanale 'Diva e Donna' di non essersi comportata sempre correttamente nella messa in sicurezza dei propri figli una volta al volante: "Sì, è capitato che non li abbia legati in auto. Però non si deve fare".

Già, perché il pericolo è dietro l'angolo, anche se si possiede una modesta, si fa per dire, Porsche Carrera, giocattolo da circa 150mila euro. Lo sa bene Karim Benzema, attaccante del Real Madrid che ha dimostrato di non essere un automobilista provetto. L'ex Lione lo scorso dicembre è stato protagonista di due crash in pochi giorni: il primo in Spagna a bordo di un'Audi Q7, il secondo in vacanza in Madagascar. In ambedue i casi solo danni e nessuna grave conseguenza. Paura e qualche graffio anche per Julio Cesar, portiere dell'Inter, che si è schiantato con la sua Lamborghini nei pressi dello stadio San Siro.

C'è poi chi le macchine è costretto a venderle, causa trasferimento. E' successo in estate a Cristiano Ronaldo. Da Manchester, dove con lo United ha giocato fino al 2009, è passato al Real Madrid. Dall'Inghilterra alla Spagna è cambiata la posizione di guida, da destra a sinistra, e allora il bel Cristiano ha dovuto mettere all'asta alcuni pezzi pregiati del suo parco auto, che ha vantato tra l'altro una Ferrari 599 GTB (216mila euro), una Porsche Cayenne (137mila euro) e una Bentley Continental GTC (220mila euro).

A Manchester è rimasto invece Wayne Rooney, di recente intercettato dai fotografi a far rifornimento per la sua Audi A8 (circa 93mila euro). La vettura tedesca è un must tra i giocatori del Milan: il club rossonero ha un accordo per tutto il 2010 con la casa automobilistica di Ingolstadt.

Adrian Mutu come Cristiano Ronaldo. Anche l'attaccante della Fiorentina si è innamorato di una Bentley (ha anche una Mercedes ML63), mentre il portiere Sebastian Frey dà gas ad una Ferrari 360 Modena (nata nel 1999, prezzo 222milioni delle vecchie lire). Agli allenamenti della Sampdoria è poi possibile intercettare Antonio Cassano a bordo di un'Audi Q5 (50mila euro).

Fiat, Lancia e Alfa Romeo sono le tre parole d'ordine in casa Juventus. Gigi Buffon arriva al centro sportivo di Vinovo con una Musa viola e beige, mentre nel garage del capitano Alessandro Del Piero, oltre ad un Hummer e ad una Infiniti, c'è una nuova 500, per l'esattezza la numero dieci sfornata dall'industria torinese. Sulla 500, ma quella nata nel 1936, viaggia invece Pantaleo Corvino, direttore sportivo della Fiorentina. Un effetto retrò(marcia) per un vero rivoluzionario delle quattro ruote.

Guarda anche:
Miccoli confessa: "Ho comprato io l'orecchino di Maradona"
Benzema illeso dopo un incidente d'auto. E' il secondo crash
Botto in auto per J. Cesar. La moglie: "Spaventato e stanco"

 

Tutti i siti Sky