Caricamento in corso...
08 maggio 2010

Ibra sfida una reporter: "Io gay? Vieni a casa mia, vediamo"

print-icon
ibr

Ibra risponde alla reporter dalla sua auto in un idioma misto tra italiano e spagnolo

Lo svedese, provocato da una giornalista spagnola che gli ha chiesto spiegazioni sulla foto "incriminata" con Piqué si è sentita rispondere: "Vieni a casa mia e porta anche tua sorella". Proteste dalle associazioni omosessuali. GUARDA IL VIDEO

Hanno fatto arrabbiare Zlatan Ibrahimovic le speculazioni ed i gossip innescati dalla sua foto "affettuosa" con il compagno di squadra del Barcellona Gerard Piqué, che da alcuni giorni impazza su internet.

Secondo le pagine rosa del quotidiano spagnolo "El Mundo", Ibra ha risposto "vieni con tua sorella a casa mia, e vedrai se sono un 'maricon'", a una giornalista che gli chiedeva, parlando della foto, se fosse gay. L'irritata risposta dello svedese ha scatenato le proteste delle associazioni omosessuali, molto influenti nella Spagna del premier socialista Jose Luis Zapatero, che hanno chiesto le scuse del giocatore del Barça.

"Sono anni che lottiamo contro il machismo, ed ecco che arriva questo signore con commenti tanto patetici", ha tuonato il direttore del Collettivo lesbiche, gay, transessuali e bisessuali di Madrid, Miguel Angel Gonzalez. "Spero che il presidente del Barça, Joan Laporta, lo obblighi a scusarsi", ha aggiunto. Fonti della rivista ShanGay, citate da El Mundo, hanno definito le parole di Ibra "un appello al machismo, che fa intravedere una omofobia latente".

La foto, scattata nel centro sportivo del Barcellona, mostra i giocatori uno di fronte all'altro, in atteggiamento affettuoso, con Ibrahimovic appoggiato all'auto. Sul web l'immagine ha suscitato interrogativi su una loro presunta omosessualità. El Mundo ricorda oggi che Ibra è sposato con "la spettacolare" Helena Seger ed ha due figli e che Piqué è noto per le avventure con belle ragazze. Fonti del Barca hanno detto a El Mundo che "conoscendo Ibra, è chiaro che non voleva ferire nessuna sensibilità".

GUARDA IL VIDEO DA YOUTUBE

Tutti i siti Sky