Caricamento in corso...
20 maggio 2010

Paolo Belli, passione Mondiale: in finale Brasile e Capello

print-icon
pao

Paolo Belli

L'INTERVISTA. Il cantante, impegnato il 25 maggio in una partita con la Nazionale Cantanti, parla del suo amore per il calcio, della tensione per i Mondiali e della brutta stagione della Juve, sua squadra del cuore. GUARDA L'ALBUM MONDIALE

di Marco Agustoni

GUARDA L'ALBUM DEI MONDIALI


Paolo Belli, di professione cantante ma con il pallone nel cuore (“Da grande sognavo di essere Anastasi”), come ogni tifoso che si rispetti comincia a sentire la tensione per gli ormai imminenti Mondiali del Sudafrica. Ma il suo amore per il calcio va ben oltre il guardare le partite allo stadio o in tv: da ormai più di trent'anni, infatti, l'ex “ladro di biciclette” gioca sul campo con la Nazionale Cantanti. Il prossimo impegno è la partita di beneficienza del 25 maggio allo stadio Braglia di Modena contro la squadra di Telethon, al cui interno giocheranno i piloti di F1 Fernando Alonso, Felipe Massa e Giancarlo Fisichella, ma anche stelle del pallone di oggi e di ieri come Antonio Cassano e Alessandro Costacurta. Paolo ci ha parlato della partita, dei Mondiali in arrivo e si è sfogato per la brutta stagione juventina. Ecco l'intervista.

I Mondiali sono alle porte e da tifoso comincerà a essere nervoso: qual è il suo pronostico?

Te lo dico per scaramanzia, ma purtroppo non soltanto. Temo che la finale sarà Brasile contro Inghilterra.

E l'Italia?
Secondo me arriveremo ai quarti, ma ovviamente spero di sbagliare perché sono amico del mister e di molti calciatori, e poi ho ancora vivo il ricordo del 1982 e del 2006, dove ho goduto tantissimo e vorrei che andasse così anche quest'estate.

Lei è juventino: un commento su questa stagione non propriamente brillante?
Finalmente è finita: per me è stata una tortura perché al di là del fatto sportivo, era difficile sopportare i messaggi dai miei amici interisti. (ride) Credo che neanche quando siamo andati in Serie B sono stato così male. Noi juventini non ci meritiamo quel che è successo, ma era inevitabile: stiamo pagando ancora l'onda lunga del disastro che ci è stato causato nel 2006.

Per la nuova stagione è ottimista?
Partiamo dalle nostre basi che sono: uno, il capitano, che è lì e non si muove. Due, mi auguro che Buffon resti perché è un altro baluardo importante. E tre, penso che Marchisio e Chiellini siano due altre pedine importantissime per il nostro futuro. Poi bisogna che dirigenti e allenatori facciano la loro parte e che noi tifosi continuiamo a fare la nostra e dimentichiamo quest'anno.

Potendo sognare, chi le piacerebbe in panchina per la Juve?
Parlando apertamente, Spalletti perché è un mio amico. Ma sono contentissimo che ci sia Del Neri, che è molto in gamba.

Come e quando è nato il suo impegno con la Nazionale Cantanti?

Nel 1989 ero appena entrato nella classifica discografica con i Ladri di biciclette e un giorno mi sono incontrato con Andrea Mingardi, a cui ho detto che il mio sogno era giocare per la Nazionale Cantanti. Lui mi ha risposto: “Allora sabato vieni a giocare”. Io sono andato e hanno visto che ero il più “grosso” giocatore della Nazionale, in tutti i sensi, e da lì ho intrapreso questa avventura senza rendermi conto che ero montato su un treno fantastico, perché non si tratta solo di giocare in grandi stadi davanti a tanta gente, ma soprattutto di sentirsti importanti per realizzare progetti come far costruire due camere sterili all'ospedale Gaslini di Genova o salvare bambini malati di tumore.

Nello specifico, la partita del 25 maggio che progetti andrà ad aiutare?
Quest'anno sono ventinove anni che giochiamo e in questo periodo abbiamo raccolto e devoluto qualcosa come 55 milioni di euro. Quest'inverno gli amici di Telethon mi han chiesto se si poteva fare una partita per sostenere un progetto fantastico: raccogliere più soldi possibili per aiutare i giovani ricercatori, per far sì che non debbano scappare all'estero. Il 25 maggio a Modena si concretizzerà questo discorso e cercheremo di raggiungere un milione di euro. Quando lo dico mi spaventa, ma ti posso dire che Modena ha già risposto.

Con gli avversari che vi ritrovate davanti, qual è il suo pronostico?
Il mio pronostico è cercare di prenderne il meno possibile, perché sono troppo forti. Però lo dico con serenità perché è l'ultimo dei problemi...

Per finire, cosa ci dobbiamo aspettare da un punto di vista musicale?
Esco in questi giorni con un mio disco, che si intitola Io come te, e farà parte di un progetto che si chiama Giovani e Belli, che partirà a fine anno, dove io canterò e produrrò assieme a giovani musicisti. Anzi, invito tutti a mandarmi i loro progetti, perché voglio dare spazio alle nuove leve musicali.

Tutti i siti Sky