Caricamento in corso...
28 luglio 2010

Baby escort: Benzema nega tutto, Ribery ammette l'orgia

print-icon
zah

La baby escort Zahia Dehar

I due giocatori, accusati di istigazione alla prosituzione minorile, si sono difesi davanti ai giudici. L'attaccante del Real ha negato qualsiasi rapporto con la escort Zahia, il centrocampista del Bayern ha detto di non sapere che fosse minorenne.LE FOTO

SFOGLIA L'ALBUM DI GOSSIP&SPORT

Karim Benzema ha negato davanti agli inquirenti di avere avuto rapporti sessuali con la escort Zahia D. Franck Ribery, invece, si è limitato a ribadire di non sapere che la ragazza fosse minorenne nè una prostituta, ma ha ammesso di avere  fatto sesso con lei e una sua amica. Stralci dei verbali degli interrogatori dei due giocatori, messi sotto inchiesta per istigazione alla prostituzione minorile, sono stati pubblicati oggi dal quotidiano transalpino Le Parisien. "Non ho parlato con lei. Non me l'hanno presentata", ha sostenuto Benzema. "Non conosco questa ragazza", ha continuato l'attaccante del Real Madrid nell'interrogatorio del 20 luglio scorso. E perchè la ragazza avrebbe sostenuto il contrario? "Non lo so, forse per andare in tv, per attirare l'attenzione della stampa. Non è un problema mio. In ogni caso, io so di non averla toccata", ha risposto  l'attaccante. "Sì, ho avuto rapporti sessuali con Zahia", ha invece confermato Ribery, incalzato in particolare sull'incontro avuto con la escort a Monaco nell'aprile del 2009 e a quanto pare organizzato da Kamel R., un uomo vicino al giocatore finito anch'egli sotto inchiesta. "Ha organizzato lui il viaggio: hotel, aereo, taxi. Ma ho pagato tutto io", ha raccontato. "Zahia è venuta con una ragazza", ha aggiunto Ribery. Kamel R. le ha pagate e poi il giocatore del Bayern  lo ha rimborsato in contanti. "Per non lasciare tracce e fare in modo che mia moglie non se ne accorgesse", ha spiegato.

Sempre secondo quanto riportato da Le Parisien, dall'inchiesta in realtà sarebbe emerso che per le prenotazioni  sarebbe stata utilizzata l'identità di un interprete del Bayern Monaco e per i pagamenti la carta di un familiare dello stesso. Ribery ha poi ricostruito la prima serata passata con la ragazza, portata  prima al ristorante e poi in albergo. "Kamel e io abbiamo fatto sesso con le due ragazze. Ci siamo scambiati il partner nel corso della serata. Poi le ho lasciate e sono andato a casa con Kamel". Alle due giovani avrebbe dato 100 euro e non 700 come sostenuto  da Zahia: "E' falso, lei mente", ha detto Ribery. La stessa somma, per il taxi, sarebbe stata data dal giocatore alla ragazza dopo la seconda ed ultima notte trascorsa insieme. "Avevo già dovuto pagare l'aereo, l'hotel, il ristorante. Mi era già costato abbastanza caro", si è giustificato Ribery. Poi ha concluso: "Se avessi saputo che era  minorenne non avrei mai avuto un rapporto con lei".

Guarda anche:
La baby escort ammette: "Ho mentito sulla mia età"
Prostituzione minorile in Francia, coinvolti Ribery e Govou
Sesso e minorenni in Francia: parla Zahia e spunta Benzema

Tutti i siti Sky