Caricamento in corso...
12 aprile 2012

Offese a un agente, Simone sospettato di razzismo

print-icon
mar

Marco Simone, 43 anni, allena dal settembre 2011 il Monaco, squadra del Principato che milita in Ligue 2 (Getty)

L'ex calciatore di Milan, Como, Psg e Monaco avrebbe, secondo gli inquirenti, insultato ad agosto un agente di origine marocchina all'aeroporto Roissy di Parigi. Simone, che ora allena il club monegasco, è stato interrogato e rilasciato

NEWS: Sport e razzismo, quanti casi

Uno stop. E questa volta non si tratta di quello di un difensore. L'allenatore del Monaco (seconda divisione francese), Marco Simone, è stato interrogato giovedì mattina dalla polizia in stato di fermo all'aeroporto parigino di Roissy. L'ex centravanti del Milan è sospettato di offese razziste.

La vicenda risale al 15 agosto scorso, quando Simone si trovava proprio a Roissy per prendere un aereo. Secondo alcuni testimoni, un bambino che era con lui giocava davanti a una donna seduta su una sedia a rotelle. Un agente, di nazionalità marocchina, che aiutava la passeggera, ha chiesto all'ex calciatore di sorvegliare il piccolo. Marco Simone l'avrebbe quindi offeso a più riprese.

Il giorno dopo, l'agente ha presentato una denuncia. La polizia ha organizzato un confronto tra Simone e la presunta vittima delle offese, poi l'allenatore del Monaco è stato rilasciato. Gli inquirenti avrebbero deciso di continuare gli accertamenti ascoltando altri testimoni.

Tutti i siti Sky