Caricamento in corso...
14 agosto 2014

Ducati, serve una furia Ceca: a Brno per voltare pagina

print-icon
cas

Casey Stoner ha conquistato il successo nel 2007 sulla pista di Brno in sella alla Ducati (Foto Getty)

Domenica si corre il GP della Repubblica Ceca. La Rossa di Borgo Panigale vanta su questo tracciato due successi, firmati Stoner e Capirossi e tre podi. Ma dal 2011 non va oltre il sesto posto: una tendenza da invertire

Non c'è un attimo di tregua in MotoGP. Niente spiaggia e ombrellone, ma i curvoni veloci di Brno. In Repubblica Ceca la Ducati arriva dopo un fine settimana a Indianapolis in chiaroscuro. Lo splendido secondo posto in qualifica di Dovizioso e la lotta del forlivese nei primi giri con gli extraterrestri Marquez, Lorenzo e Rossi ha fatto da contraltare al risultato finale, con il Dovi 7° seguito da Crutchlow. E allora meglio tuffarsi a Brno, pista in cui la Rossa di Borgo Panigale ha trovato il giusto feeling fin dal primo approccio, nel 2003 con Troy Bayliss, giunto terzo dopo una spettacolare bagarre con Valentino e Gibernau.

La prima di Capirex - Nel 2005 Loris Capirossi si arrende al Dottore, ma fa le prove generali per il primo successo della Ducati in una delle mitiche piste del Mondiale, che arriva l'anno successivo. Il pilota emiliano regola il solito indemoniato Rossi e un giovane Dani Pedrosa. Quella di Brno diventa la quinta pista ad essere "conquistata" dalla casa italiana.

Un canguro a Brno - L'anno d'oro di Casey Stoner, il 2007 (titolo iridato e 10 vittorie), comprende anche il successo in Repubblica Ceca. L'australiano è protagonista di un clamoroso incidente l'anno seguente, mentre nel 2010 chiude la sua esperienza in Ducati con un terzo posto, ultimo podio della Rossa a Brno. Da allora il miglior risultato resta il 6° posto ottenuto da Valentino nel 2011. A Dovi, Crutchlow e Iannone il compito di interrompere questa tendenza poco entusiasmante.

Sky Racing Team VR46

Tutti i siti Sky