Caricamento in corso...
03 giugno 2016

Salom e le moto, un sogno finito troppo presto

print-icon

Avrebbe compiuto 25 anni il prossimo 7 agosto. Luis era nato a Palma di Maiorca e il destino lo ha portato via proprio nel corso del weekend in Catalogna. In Qatar, all'inizio di questa stagione, aveva conquistato il secondo posto nella Moto2

Non ce l'ha fatta Luis Salom. Una caduta durante le seconde libere in Catalogna è stata fatale per il giovane pilota spagnolo del team Sag. Soccorsi immediati, un massaggio cardiaco e poi la corsa in ospedale dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Non è bastato per salvare la vita al ragazzo nato a Palma di Maiorca che il 7 agosto avrebbe compiuto il 25 anni.

La sua carriera - Quella da professionista inizia nel 2007 nel campionato spagnolo 125. Chiude la stagione settimo con 49 punti nella classifica piloti, ottenendo anche un podio. In quell'anno partecipa alla Red Bull Rookies Cup (quarto con 80 punti). Dopo due anni con Aprilia, nel 2013 comincia il suo connubio con Kalex, moto guidata con il Sag Racing Team anche in questa maledetta stagione.

Il passaggio al team Sag - Con Sag è salito sul secondo gradino del podio al termine della gara d'esordio in Qatar. Ma non è stato il miglior risultato di una carriera terminata troppo presto: Luis ha disputato 118 gare, vincendone 9. Sono stati invece 25 i podi e 4 le pole position

L'ultimo tweet - Pronto a scendere in pista a Barcellona per la prima sessione di libere. L'ultimo post su Twitter è quello di una foto in cui Luis, sorridente, si stava preparando alle FP1. "Questo circuito è spettacolare", aveva scritto. 

Sky Racing Team VR46

Tutti i siti Sky