Caricamento in corso...
20 giugno 2016

Suzuki, Alex Rins affiancherà Iannone in MotoGP

print-icon

Lo spagnolo, che quest’anno ha corso in Moto2, prende il posto di Aleix Espargaro e sarà quindi per due anni compagno di squadra di Andrea nel team giapponese

Alex Rins, quest'anno in Moto2, prende il posto di Aleix Espargaro e sarà quindi per due anni compagno di squadra di Andrea Iannone: lo ha annunciato con un comunicato la Suzuki. Davide Brivio, team manager Ecstar, commenta: "Alex Rins è un giovane che ha già dimostrato tanto talento. Sempre nelle prime posizione al suo debutto in ogni classe, è il tipo di pilota che volevamo per il nostro futuro. Con Iannone andrà a comporre una combinazione perfetta per la nostra sfida".

La Suzuki da sempre sceglie i giovani fenomeni, come fece nel 1986 con Kevin Schwantz e nel 2014 con Maverick Vinales. Così come ha fatto con il pilota spagnolo, il team principal di Suzuki, Davide Brivio, guarda al più talentuoso della Moto2 e sceglie Alex Rins per sostituire Aleix Espargarò. Non è stato difficile convincere chi fin dall'inizio ha messo in chiaro i suoi obiettivi per il 2016: diventare pilota Suzuki e arrivare in MotoGP da campione del mondo. Dopo essersi assicurato le prossime due stagioni in classe regina, Rins può concentrarsi per vincere il primo titolo mondiale. Lo spagnolo arriva ad Assen da leader della classifica generale con 8 punti su Lowes e 10 su Zarco. Due rivali competitivi certo, ma non imbattibili per il pilota più promettente della categoria. Rins, ha esordito nel mondiale nel 2012 a 16 anni finendo la stagione col 5° posto, quello che per il momento è il suo peggior risultato. Un anno dopo, lottava con Vinales per assicurarsi il titolo, sfuggito per soli 12 punti. Lo scorso anno l'esordio in Moto2 centrando una doppietta particolare: rookie dell'anno e vice campione del mondo. Il suo passaggio in classe regina non è una sorpresa e chissà, se sarà proprio lui il prossimo Kevin Schwantz



Cinque curiosità per conoscere meglio Alex Rins

1 – Nel 2012 ha esordito nel mondiale Moto3 e correva col 42, un numero che per lui non aveva un significato particolare ma dal suo passaggio in Moto2, nel 2015, corre col 40.

2 – Anche Rins, come tanti sportivi è superstizioso. Ogni volta che si prepara per scendere in pista deve mettersi prima lo stivale e il guanto destro.

3 – Nel Gran Premio della Repubblica Ceca del 2014, a due giri dalla fine, Rins era in testa alla corsa peccato però che abbia esultato con un giro di anticipo così, anziché vincere è arrivato nono al traguardo lasciando strada libera al francese Aleix Masbou.

4 – Gli eroi delle due ruote di Alex sono Valentino Rossi e i connazionali Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo.

5 – Il suo manager è suo padre, Rafa Rins e dal 2015, anche Alex è diventato manager di un team schierando tre giovani piloti nel CEV, il Campionato Mondiale Junior da cui sono usciti tanti talenti delle due ruote.

Sky Racing Team VR46

Tutti i siti Sky