Caricamento in corso...
26 giugno 2016

Assen, cadono tutti: Rossi e Dovi out, Miller è 1°

print-icon

LIVE-BLOG. Gran colpo dell'australiano, e gran secondo posto di Marquez, aiutati da una gara pazza e interrotta per pioggia a 12 giri dal termine: il Dottore, Dovizioso ed Hernandez, che si erano alternati in testa, finiscono a terra. Condizioni al limite, cadono anche Pedrosa, Crutchlow, Aleix Espargaró, Pirro e Bautista. Si spegne la moto di Petrucci, rimonta Iannone: da ultimo a 5°

RIVIVI LA CRONACA DELLA GARA

Assen, Olanda, un diluvio a 12 giri dalla fine e poi il delirio. L'ha vinta l'australiano Jack Miller l'ottava tappa del Motomondiale, e lo ha fatto davanti a Marc Marquez e Scott Redding. Per il britannico è il primo podio in 25 gare nella classe regina e prima vittoria tra i grandi, per lo spagnolo un colpaccio in ottica classifica mondiale. Eppure quella olandese sembrava dover essere la giornata del duellone italiano tra Andrea Dovizioso e Valentino Rossi; invece, dopo la bandiera rossa, è cambiato tutto. In precedenza ottime cose le aveva fatte anche Hernandez della Pramac, in testa per un po' e poi finito a terra prima dell'interruzione. L'interruzione accende il finale, l'acqua in pista la spegne. Scivolano Pedrosa, Crutchlow, mentre la moto di Petrucci si ferma, poi giù Aleix Espargaró, Pirro e Bautista. Ma le cadute più clamorose restano quelle di Rossi e Dovi,che sembravano i padroni di Assen e alla fine si sono dovuti arrendere ad una gara pazza. Anche troppo.

 

Moto3, podio tricolore - In uno spettacolare arrivo appaiati al traguardo, su pista asciutta, Francesco Bagnaia (Aspar Mahindra Team) precede ben quattro connazionali: Fabio Di Giannantonio (Gresini Racing, Honda), Andrea Migno e Romano Fenati dello Sky Racing Team VR 46 (Ktm), e Niccolò Antonelli (Ongetta Rivacold, Honda). Migno si era piazzato al secondo posto, ma dopo la gara è stato retrocesso in terza posizione per un sorpasso scorretto. Niente da fare, invece, per l'altro pilota del Gresini Racing, Enea Bastianini, partito in pole position e caduto a quattro giri dal termine nel tentativo di superare Nicolò Bulega (Sky Racing Team VR 46, Ktm). Quest'ultimo ha poi chiuso settimo.

 

Moto2, Morbidelli secondo - Takaaki Nakagami, in testa alla corsa, usufruisce della sospensione della gara ad un giro dalla fine, quando l'arrivo della pioggia ha costretto i commissari a sventolare la bandiera rossa e a considerare valida dunque la classifica a due giri dalla fine. Dietro Nagakami Johann Zarco, campione del mondo in carica, e Franco Morbidelli.

 

IL RACCONTO DA ASSEN

Sky Racing Team VR46

Tutti i siti Sky