Caricamento in corso...
18 ottobre 2016

MotoGP, ritorno in Giappone: tutti i numeri del gp

print-icon
Get

Da zero a dieci, tutte le curiosità sulla gara vinta da Marc Marquez: numeri, statistiche e voti sul GP del Giappone, per rivivere l'impresa del campione spagnolo

di Giovanni Zamagni

Da zero a dieci speciale Marc Marquez: numeri, statistiche e voti sul GP del Giappone, per rivivere l’impresa del campione spagnolo

Sempre a punti - Il primo voto è molto significativo: Marc Marquez è l’unico pilota delle tre categorie ad aver conquistato almeno un punto in ogni dei 15 GP fin qui disputati. Considerando le tante cadute che ci sono state quest’anno, anche questa può tranquillamente essere considerata come una grande impresa.

0, come gli zero in classifica

Tante scivolate, ma ininfluenti - Anche Marc Marquez, per la verità, è caduto molto quest’anno: 14 scivolate complessive dall’inizio dell’anno, contro le 13 del 2015, le 11 del 2014 e le 15 del 2013. Insomma, considerando che alla fine del mondiale mancano ancora tre GP, questa è la stagione nella quale lo spagnolo è finito, mediamente, più volte a terra. Ma sono state tutte cadute ininfluenti, con un solo errore in gara, in Francia a Le Mans.

1, come le cadute in gara

Un confronto imbarazzante - Solo due volte in 15 GP Marquez ha preso paga dal compagno di squadra: a Le Mans e a Misano. In prova, Marc ha fatto ancora meglio, battendo (fino adesso) 14 volte su 15 Dani Pedrosa. Un confronto improponibile con un pilota comunque di grande valore che la dice lunga su quanto fatto quest’anno da Marquez.

2, come le volte che Pedrosa ha battuto Marquez.

Il più giovane di sempre - Con quello conquistato domenica, fanno tre titoli in MotoGP, in appena quattro anni: pazzesco. Se ancora non basta, ecco altri dati che rendono eccezionale l’impresa: a 23 anni e 242 giorni, Marquez è il più giovane pilota della storia ad aver ottenuto tre titoli nella massima categoria (il precedente primato apparteneva a Mike Hailwood, tre titolo in 500 a 24 anni e 108 giorni). Sempre a proposito del numero tre, c’è solo un altro pilota spagnolo che ha conquistato tre iridi in 500/MotoGP: Jorge Lorenzo. Inoltre, c’è un solo pilota che è stato capace di conquistare più titoli nella classe regina con la Honda: Mike Doohan, capace di cinque mondiali (consecutivi) con la NSR500.

3, come i titoli in MotoGP

Undici volte nei primi tre - Solo in quattro occasioni, Marquez non è salito sul podio: a Le Mans (13esimo); Zeltweg (quinto); Silverstone (quarto); Misano Adriatico (quarto). In questo caso, però, c’è chi ha fatto meglio: in Moto3, Brad Binder è salito 12 volte sul podio. Complessivamente, Marquez nella sua carriera ha conquistato 89 podi (50 in MotoGP), con una percentuale da paura: nel 72,4% dei GP corsi nella massima cilindrata, è arrivato nei primi tre. Sono anche quattro i giri veloci ottenuti in gara quest’anno: Argentina, Americhe, Aragon e Giappone.

4, come i GP senza podio

"Give me five" - A Motegi, il cinque è diventato il numero magico di questa incredibile stagione di Marc Marquez, che ha conquistato il suo quinto titolo iridato: uno in 125 (2010), uno in Moto2 (2012), tre in MotoGP (2013, 2014 e 2016). A 23 anni e 242 giorni è naturalmente il più giovane pilota di sempre ad aver raggiunto tale risultato: un primato che prima apparteneva a Valentino Rossi, che aveva ottenuto il quinto titolo a 24 anni e 238 giorni. Quella di domenica è stata la 55esima vittoria in carriera (29 in MotoGP, 16 in Moto2, 10 in 125) su 147 GP disputati, per una percentuale di successi del 37,41%. In MotoGP, Marquez ha disputato 69 gare salendo sul gradino più alto del podio 29 volte: vuol dire che ha vinto il 42,02% della gare corse.

5, come i titoli mondiali

Il re delle qualifiche - Con sei pole position (Argentina, Americhe, Catalunya, Germania, Rep.Ceca, Aragon), Marquez è anche il re delle qualifiche. In totale, Marc ha ottenuto 64 pole (36 in MotoGP, 14 in Moto2 e 14 in Moto3), con una percentuale in MotoGP di 52,1%: significa che dal 2013 a oggi è partito dalla pole più di un GP su due. Scegliete voi l’aggettivo.

6, come le pole ottenute nel 2016

Una lunga striscia di successi - Negli ultimi sette anni, Marquez ha conquistato almeno cinque successi a stagione. Nello specifico: 10 nel 2010 (!25); 7 nel 2011 (Moto2); 9 nel 2012 (Moto2); 6 nel 2013 (MotoGP); 13 nel 2014 (MotoGP); 5 nel 2015 (MotoGP).

7, come gli anni in cui Marquez vince almeno 5 GP a stagione 

Dietro di lui, una grande casa -Marquez è stato fenomenale, il titolo l’ha vinto lui, ha fatto una grande differenza, questo è fuori discussione. «Il merito va al 70% al pilota e al 30% alla moto» ha dichiarato domenica sera il Team Principal HRC Livio Suppo. Va però riconosciuto che la Honda ha fatto un grande lavoro: nei primi test di Sepang, a febbraio, Marquez prendeva, di passo, un secondo al giro. Oggi, la RC213V è forse la migliore MotoGP, in ogni caso sicuramente molto competitiva.

Voto 8 alla HRC

Un team molto unito - Il motociclismo è uno sport individuale, ma sta diventando sempre più uno sport di squadra: il team può fare una grande differenza. Dal 2011, con Marquez lavorano più o meno sempre gli stessi uomini, per i quali quest’anno, in fase di trattativa per il rinnovo del contratto, Marc ha preteso un aumento medio del 30% per ciascuno di loro. Anche così si crea un gruppo vincente. Sono nove i suoi uomini più fidati: 1. Carlos Linan Barcellona (Spagna), Capo meccanico; 2. Roberto Clerici (conosciuto da tutti come Ginetto), Varese (Italia), meccanico; 3. Jordi Castellà, Barcellona, meccanico; 4. Javi Ortiz, Murcia (Spagna), meccanico; 5. Carlo Luzzi, Milano (Italia), ingegnere elettronico; 6. Santi Hernandez, Santa Coloma (Spagna), capo tecnico; 7. Gerold Bucher, Stoccarda (Germania), telemetrista; 8. Kochi Ujino, Saitama (Giappone), meccanico; 9. Teruaki Ma, Saitama, staff Hrc.

9, come i tecnici di Marquez 

Un fenomeno assoluto - Per tutto questo, è giusto definire Marquez come un fenomeno assoluto.

Voto 10 a Marc Marquez

Powered by: Moto.it

Sky Racing Team VR46

Tutti i siti Sky