Caricamento in corso...
11 settembre 2008

Valentino ha un obiettivo: ''Vincere come a Laguna Seca''

print-icon
val

Il ''Dottore'' si esibisce in una impennata con la sua Yamaha dopo aver tagliato il traguardo di Laguna Seca

GP USA. Rossi si prepara allla prossima gara sull'inedito circuito di Indianapolis: "Eguagliare il record di Agostini è stato incredibile, ma adesso voglio superarlo"

Obiettivo ripetersi - Come a Laguna Seca. Per Valentino Rossi, che torna negli Usa con il ricordo della straordinaria vittoria del GP di luglio, l'obiettivo di Indianapolis è lo stesso: "Cercare di essere veloci per provare a stare davanti a Stoner. A Laguna ho corso la gara più bella di quest'anno". Nonostante i 75 punti di vantaggio sul campione del mondo australiano, infatti, c'è da giurarci che non farà il calcolatore. E sicuramente non si presenterà in griglia rilassato. "Perché sarebbe un errore. Ci sono ancora 5 gare da disputare- ha spiegato il pesarese- bisognerà continuare a lavorare come abbiamo fatto finora. Poi da ora ci sarà anche Pedrosa con le Bridgestone. Mi preoccupa, andrà sicuramente forte. Ma spero che ci metterà del tempo a sistemare l'assetto della moto per le nuove gomme, ma nei test di Misano è già andato molto forte. Sono convinto che finora la Honda non abbia ancora mai mostrato il suo vero potenziale: a mio parere la loro moto è sempre andata molto forte, ma non hanno mai avuto l'opportunità di sfruttare al massimo ciò che avevano".

Superare il record di Agostini - Rossi, intanto, ha approfittato del tempo a disposizione per visitare New York, dove è arrivato per la prima volta. "E' un posto fantastico, sfortunatamente a 29 anni non avevo ancora visitato New York. Abbiamo qualche intervista, ma anche un po' di tempo libero per vedere la città. Siamo nel mezzo di Times Square e nessuno mi riconosce, è un feeling nuovo per me". Dovesse vincere domenica, volerà in testa in solitudine nella classifica delle vittorie nella classe regina. Staccherebbe, infatti, Giacomo Agostini: 69 successi contro 68. "Ho parlato con Giacomo dopo Misano (dove Rossi ha vinto la sua gara numero 68, ndr) e era abbastanza contento. Non esageratamente contento perché mi ha chiesto: 'Tu sei felice quando perdi?', e ho dovuto dargli ragione. Eguagliare il suo record è stato incredibile per me, ora però lo voglio battere".

Stoner è deluso
- Se Rossi ride, Casey Stoner vuole già pensare al prossimo anno. Prima, però, vuole chiudere al meglio la stagione. "Chiaramente non sono contento del risultato delle ultime gare. Abbiamo dimostrato di essere sempre molto veloci, ma non è stato ovviamente sufficiente. In ogni caso sono consapevole di avere una grande squadra che mi supporta e un'ottima moto con la quale ho un feeling fantastico. Cercherò di lavorare su questo per divertimi nelle ultime gare, che si corrono su piste che mi piacciono molto. Non vedo l'ora di tornare in America e di correre a Indianapolis, una pista sconosciuta per tutti, dove però sono convinto che moto e gomme andranno bene come hanno fatto in tutte le ultime gare".

Tutti i siti Sky