Caricamento in corso...
27 settembre 2008

Yamaha in pole a Motegi. Ma è quella di Lorenzo

print-icon
mot

Jorge Lorenzo (Yamaha) in azione sul circuito di Motegi

MOTO GP. Lo spagnolo beffa il campione in carica Stoner e conquista la prima fila. Terzo Hayden, quarto Rossi: "Mi aspettavo di più. La F1? Proverò ancora, ma non è il mio futuro". Vale a un passo dal titolo (basterebbe l'ultimo gardino del podio)

Pole position - Lo spagnolo Jorge Lorenzo ha beffato il campione in carica della MotoGp, l'australiano Casey Stoner, e ha conquistato la pole position nel Gran premio del Giappone di motociclismo. Sul circuito di Motegi lo statunitense Nicky Hayden, campione del mondo 2006, ha fatto registrare il terzo miglior tempo; Valentino Rossi, a caccia del sesto titolo mondiale (gli basterebbe salire sul podio domani), si è piazzato quarto.

A caldo - Lo spagnolo ha detto: "Io mago delle pole? No, ci sono tanti altri piloti che vanno forte, come Stoner e Rossi. Oggi ho avuto le condizioni buone per fare la pole. Però in gara le cose possono cambiare. Il rendimento delle gomme e' diverso rispetto alle qualifiche. Domani si girera' due secondi più lenti, vediamo come andra'". Lorenzo è alla sua quarta pole stagionale dopo le prime tre di fila ottenute nelle prime tre gare. Poi gli incidenti e i problemi con il suo management hanno condizionato il suo rendimento. Ora sembra tornato su buoni livelli. "Con i problemi che ho avuto, personali e professionali, sono piu' forte- ha detto- Ho fatto passi avanti".

A un passo dal titolo - "Mi aspettavo la prima fila. Peccato, era alla nostra portata". Valentino Rossi partira' dalla quarta posizione in griglia nel GP del Giappone, quello dove potrebbe laurearsi campione del Mondo per l'ottavo volta. Il pilota della Yamaha nelle qualifiche a Motegi all'ultimo minuto e' stato scalzato dal terzo posto da Nicky Hayden e domani partirà quindi dalla seconda fila. La cosa che piu' conta e' che il pesarese ha comunque un buon passo gara. "Mi aspettavo di  partire in prima fila- ha detto Rossi - Era nel nostro potenziale. Purtroppo mi sono attardato un po' per provare le gomme da gara e abbiamo fatto tardi. Siamo partiti in ritardo con l'ultima gomma da qualificha, un minuto troppo tardi. C'era molto traffico, tantissimi piloti in pista che ti seguivano. Poi nell'ultimo giro dovevo decidere cosa fare, sono partito per ultimo ma De Angelis mi e' caduto davanti alla prima curva e per evitarlo ho perso tre o quattro decimi. Peccato perchè la prima fila era alla nostra portata invece partirò quarto". Domani a Rossi basterà il terzo posto per laurearsi aritmeticamente campione del Mondo. Ma il pilota non si sbilancia. "Domani? Era meglio partire dalla prima fila, io poi non sono un mago delle partenze. La cosa importante è che con le gomme da gara ho un buon passo. Al mattino abbiamo messo a posto la moto, siamo veloci e domani risolveremo qualche altro piccolo problemino che ancora abbiamo. Qui è difficile sorpassare, per cui devo cercare di partire bene, poi la gara sara' lunga e vediamo. Quanti scongiuri ho fatto finora? Incontabili.... L'importante e' che con le gomme da gara siamo abbastanza veloci".

Il futuro - L'ottavo sigillo iridato è a un passo e Rossi già sogna un premio. "Un regalo per il mondiale vinto? Mi piacerebbe tanto poter fare un altro test con la Ferrari". Senza, però, avere ambizioni per un futuro in Formula Uno. "Sì, vorrei fare solo un altro test ma non credo che per me ci sia la possibilità di correre con la Ferrari in futuro - ha precisato Rossi - anche perche' ho altri due anni di contratto con la Yamaha e ci arriverei a 31 anni, un po' troppo vecchio per tentare l'avventura".

MOTEGI, LA GRIGLIA DI PARTENZA DELLA MOTO GP

1. Jorge Lorenzo (Spa) Yamaha 1'45"543
2. Casey Stoner (Aus) Ducati 0"288
3. Nicky Hayden (Usa) Honda 0"428
4. Valentino Rossi (Ita) Yamaha 0"517
5. Dani Pedrosa (Spa) Honda 0"760
6. Loris Capirossi (Ita) Suzuki 0"907

Tutti i siti Sky