Caricamento in corso...
11 giugno 2009

Una poltrona per tre: in Spagna è sfida Rossi-Lorenzo-Stoner

print-icon
ros

Al Montmelò Rossi, Lorenzo e Stoner si contendono il gradino più alto del podio

Domenica la MotoGp fa tappa al Montmelò e a contendersi il gradino più alto del podio ci saranno i protagonisti di questo inizio di Mondiale. Lo spagnolo gioca in casa, Valentino è in cerca di riscatto, l'australiano di conferme dopo l'exploit al Mugello

ENTRA NEL FORUM DELLA MOTO GP

La gara di casa per Jorge Lorenzo, quella del riscatto per Valentino Rossi. Ma anche quella delle conferme per Casey Stoner. Domenica la MotoGP farà tappa a Barcellona per il GP della Catalogna, protagonisti saranno sicuramente i tre piloti che hanno caratterizzato questo inizio di anno. Fari puntati sullo spagnolo Lorenzo, che tra le altre cose è pure grande tifoso del Barcellona di Guardiola. Per festeggiare scudetto, Coppa del Re e Champions League vinti dalla sua squadra del cuore, nel GP correrà con una speciale livrea.

"Sono davvero orgoglioso di correre qui con i colori del mio team - ha detto lo spagnolo della Yamaha - Ero a Roma per la finale di Champions League, e vincere è stato come un sogno. Sono molto felice di poter mostrare a tutti il mio supporto a questa grande squadra, e spero che molti tifosi apprezzino il mio gesto".

Lorenzo arriva a Barcellona da secondo in classifica, con 4 punti di distacco rispetto al leader Stoner. "Al Mugello sono migliorato rispetto al 2008 e spero di fare lo stesso qui- ha detto Lorenzo- Per me finora è stata una buona stagione- se non fosse stato per un errore commesso a Jerez quando ho provato a superare Stoner ma mi sono ritirato. Barcellona è uno dei miei tracciati preferiti, sono sempre stato veloce qui". Lo scorso anno è stato costretto a saltare la gara di Barcellona dopo
essere caduto nelle prove.

Terzo, a nove punti da Stoner, Valentino Rossi. Dopo un avvio di stagione così così, il pesarese compagno di squadra di Lorenzo cerca il bis ancora in Spagna dopo aver vinto a Jerez de la Frontera: dopo di allora vittorie proprio di Lorenzo e di Stoner. Se quest'ultimi hanno ad oggi due vittorie a testa, Rossi è l'unico fermo a una. "Non abbiamo ancora trovato la risposta perfetta per far andare la M1 come vorrei, ma Barcellona è buon tracciato per noi e speriamo di poter fare il passo avanti finale. In Spagna questa stagione ho già vinto e spero di riuscirci ancora domenica. Assieme al Mugello e Phillip Island, quello catalano è uno dei tracciati che mi piacciono di più".

Infine Stoner. L'australiano della Ducati cerca conferma dopo il Mugello e soprattutto la possibilità di confermare la leadership in classifica: quest'anno, cinque le gare corse, chi ha vinto una gara non è poi riuscito a ripetersi in quella successiva perdendo il primo posto in graduatoria. "Ma oggi essere in testa non significa assolutamente nulla - ha detto l'australiano- Noi dobbiamo restare concentrati, fare del nostro e dobbiamo fare del nostro meglio per puntare alla vittoria". Dovrà provarci, però, su una pista che non ama più come prima per colpa dell'asfalto rovinato e... della F1: "E' stata una delle mie piste preferite fino a quando l'asfalto non si è rovinato. Anche se lo hanno rifatto completamente qualche anno fa, non è più bello come all'inizio ed il fatto che ci corra la F1 non ha aiutato la situazione per quanto riguarda buche e avvallamenti".

Tutti i siti Sky