Caricamento in corso...
05 luglio 2009

MotoGp, pole per Lorenzo ma che volo! Per aria anche Stoner

print-icon
vol

Un momento della prima e spaventosa caduta di Lorenzo a Laguna Seca

Lo spagnolo della Yamaha cade, corre ai abox, riparte e ricade: ma è sua la pole, oggi dovrebbe farcela ad essere in gara. Spaventosa caduta anche per l'australiano della Ducati, Valentino Rossi conquista il 2° posto e dice: tutta colpa delle gomme

COMMENTA NEL FORUM DEL MOTOMONDIALE

E' Jorge Lorenzo il  pilota più veloce nel turno di prove ufficiali della classe  MotoGp del Gran premio degli Stati Uniti, ma che brividi per due cadute spaventose. Lo spagnolo ha fatto segnare il miglior tempo in 1'21"678.  Alle spalle di Lorenzo il compagno di team (Fiat Yamaha)  Valentino Rossi con il tempo di 1'21"845. Chiude la prima fila Casey Stoner su Ducati con il riferimento di 1'21"910.

Sia Stoner che Lorenzo sono caduti nei minuti finali della  sessione. Per lo spagnolo si sospetta un trauma ad una gamba, l'australiano si è invece recato  con le sue gambe alla Clinica Mobile. Seconda fila per Andrea Dovizioso (Honda) che ha ottenuto il  quarto tempo, quarta fila per Capirossi (Suzuki),  Melandri  (Kawasaki) e  per il sanmarinese De Angelis (Honda)  rispettivamente con il decimo, 11/o e 12/o tempo. Penultimo  Canepa con la Ducati privata.

Il referto degli esami fatti allo spagnolo Jorge Lorenzo al centro medico di Laguna  Seca parlano di una sublussazione della clavicola destra e di una forte contusione al piede destro vicino al metatarso. Secondo il dott. Claudio Costa, responsabile della Clinica  Mobile del motomondiale, "Jorge Lorenzo potrà prendere parte  alla gara della classe MotoGp".

"Secondo me la situazione delle gomme è da rivedere, bisogna avere a disposizione in più piste gli pneumatici in doppia mescola". Questo il "Rossi pensiero", dopo le cadute del compagno di squadra, Jorge Lorenzo e di Casey Stoner con la Ducati nel turno di prove ufficiali del Gp degli Stati Uniti. I responsabili della Bridgestone, casa che fornisce in esclusiva le gomme ai team della Motogp, ha confermato che i due piloti sono caduti per la temperatura non ottimale della gomma posteriore nella parte destra (a Laguna Seca la maggior parte delle svolteè a sinistra).

Tutti i siti Sky