Caricamento in corso...
22 ottobre 2009

Malesia, sfida tra i "magnifici 4". Rossi vicino al titolo

print-icon
spo

Casey Stoner e Valentino Rossi. Il 'Dottore' è a un passo dal nono titolo nella Moto Gp (foto LaPresse)

Moto Gp. Il 'Dottore' domenica potrebbe conquisatare il 9° mondiale: "Sarà difficile prendere sonno sabato notte". Con Stoner, Lorenzo e Pedrosa battaglia fino alla fine. E Vale guarda al futuro: "Jorge e Casey posso diventare campioni"

"Lorenzo e Stoner sono  i due avversari più forti che io abbia incontrato. Lorenzo non  molla mai e Stoner è sempre costante". Valentino Rossi inaugura il fine settimana del Gp della Malaysia con un  inaspettato tributo ai suoi avversari. "Ci sarà anche Pedrosa  - avverte - lui quest'anno ha vinto una sola gara". I 'fantastici quattro' sono chiamati ancora una volta a dare spettacolo in Motogp, dato che per gli altri sono rimasti solo ruoli da comparse.

Ma come vive Rossi questa nona vigilia mondiale? "Bene - afferma il Dottore -. Dall'Australia siamo venuti direttamente  in Malaysia ed è stato meglio non andare a casa. Qui c'è tempo per rilassarsi e prendere il sole, allenarsi, mentre mi hanno  detto che in Italia fa molto freddo. E' un bene per rimanere  concentrato, poi me la gioco in una pista che mi piace tanto".

Si tratta di una situazione diversa rispetto al passato. "In  Portogallo - spiega Valentino - venivamo da un risultato  negativo, c'era Lorenzo vicino e non è stato molto rilassante. Molto meglio avere 38 punti di vantaggio". Anche per questo la tensione ancora non è alle stelle,  nonostante ci sia un mondiale in gioco: "E' ancora troppo  presto - afferma Rossi -. La tensione si inizierà a sentire  sabato sera. Comunque io sono fortunato perche' questa  situazione l'ho già vissuta altre otto volte, anzi nove (ride). Sicuramente sabato sera sarà difficile prendere sonno. Ma è una carica molto positiva".

Ci sono differenze con altre vigilie mondiali? "Ogni volta è diversa. Penso che questa sia una delle più tirate per me; tutte le altre volte sono arrivato al mondiale prima della  penultima gara. E' successo solo al mio debutto in Yamaha nel  2004 di vincere alla penultima gara il mondiale. Fino ad ora è stata una stagione di grandissime soddisfazioni e dura. Abbiamo fatto delle grandi gare ma anche errori e delusioni grosse. Con  un campionato così tirato, finire il prima possibile leva un peso non indifferente anche psicologicamente. Nel 2006 ero dall'altra parte, dovevo inseguire, avevo 50 punti di svantaggio e tutto quello che veniva era buono. Invece adesso è da tanto  che sono in testa al mondiale ed è diverso. Mi piacerebbe  vincere un'altra volta prima della fine del mondiale, arrivare a  300 punti, insomma ho ancora da fare".

Quest'anno c'è stato un elemento in più, il compagno di  squadra. Un avversario con la stessa moto e le stesse gomme. "Si - conferma Rossi - leggo Lorenzo come un'altra prova per la  mia carriera. E' una bella motivazione perché penso che sia uno degli avversari più forti che ho mai avuto e che continuerò ad avere anche l'anno prossimo. Non mi ha sorpreso del tutto, sapevo che sarebbe andato forte mi ha impressionato la sua capacità di riprendersi dopo certe batoste, mi aspetto che vada molto forte anche qua. E' uno tosto, il suo obiettivo è diventare campione del mondo della MotoGp, sarà duro batterlo  in queste ultime due gare ed anche in futuro. E poi c'è Stoner, che vorrà vincere ancora per fare un buon finale di stagione in vista del 2010".

Ed a chi chiede se Lorenzo possa diventare negli anni un campione del mondo, anche dopo l'eventuale ritiro del Dottore  dalle gare, Rossi risponde: "Credo che Lorenzo possa essere un campione della Motogp, certo, ma speriamo vinca di meno! E comunque ci sarà sempre Stoner, saranno due grandi avversari".

ENTRA NEL FORUM MOTORI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT
 

Tutti i siti Sky