Caricamento in corso...
06 febbraio 2011

Dramma Kubica. Operato con successo, un anno per il recupero

print-icon
kub

Brutto incidente per Robert Kubica durante un rally. Nella foto i soccorsi (Ansa)

Il pilota polacco è rimasto gravemente ferito durante il rally del Ronde di Andora, nel savonese. Sette ore sotto i ferri, i medici sono riusciti a salvare il braccio. Alonso si è recato all'ospedale di Pietra Ligure per stargli vicino. FOTO E VIDEO

Il pericolo è il suo mestiere: Kubica, nel 2007 un altro spaventoso crash

L'equipe del professor Igor Rossello è intervenuto sulla mano del pilota di Formula 1, Robert Kubica, rimasto vittima di un incidente mentre affrontava la prima prova del rally Ronde di Albenga. Dopo sette ore di intervento, il professor Rossello si è detto moderatamente soddisfatto. La mano del pilota, parzialmente tranciata, è stata rivascolarizzata e le fratture sono state ricomposte. Saranno necessari alcuni giorni per capire se l'arto, da un punto di vista neurologico e vascolare, sarà in grado di tornare ad una completa funzionalità. Al pilota è stata ricomposta anche la frattura di una gamba. In sala operatoria si sono alternate due equipe di chirurghi che hanno operato ininterrottamente per oltre sette ore. Robert Kubica è stato trasferito nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Pietra Ligure. La prognosi resta riservata.

Kubica ha rischiato grosso questa volta: la sua Skoda Fabia, forse a causa di una lastra di ghiaccio, è uscita di strada nei chilometri iniziali della prima prova speciale. Nell'impatto, violentissimo anche per l'alta velocità, l'abitacolo è stato attraversato come burro dalle lamiere del guardrail, che hanno tranciato i piantoni del roll-bar. Illeso il navigatore, Jacub Gerber , le condizioni del pilota sono apparse subito serie: estratto dalla carcassa dell'auto e trasportato in elicottero all'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, Kubica è stato sottoposto a un lungo intervento per salvargli la mano destra e, con quella, anche la carriera.

Secondo le testimonianze raccolte fra il pubblico dai carabinieri, che hanno sequestrato la Skoda per verificare eventuali problemi meccanici, l'auto di Kubica ha affrontato una curva a velocità elevata all'altezza di un bivio segnalato da un guardrail. All'improvviso il pilota, 76 Gp in Formula 1 e 12 podi, ha perso il controllo e la traiettoria ha avuto una deviazione a destra di circa 80 gradi. Inevitabile l'impatto contro le lamiere: l'auto ha colpito la cuspide del guardrail, che ha sfondato l'abitacolo, ed ha finito la sua corsa contro il muro della chiesetta del paese dell'entroterra ligure.

Per estrarre la prima guida della Lotus Renault è stato necessario l'intervento del 118 e di una squadra di vigili del fuoco esperti in manovre speleo-alpino-fluviali. Poi la corsa in ospedale, a bordo di un elicottero, e il lunghissimo intervento, a cui hanno preso parte anche Riccardo Ceccarelli, medico che assiste Kubica in Formula 1, e Igor Rossello, primario del Centro regionale di chirurgia della mano dell'ospedale San Paolo di Savona.

I tifosi sul web - Il rally, cui partecipano 115 piloti, è stato sospeso per consentire la rimozione dell'auto. Dalle prime ore del mattino, da quando cioè ha iniziato a diffondersi la notizia, gli sportivi si sono dati appuntamento sul web per esprimere il loro affetto e la loro vicinanza al pilota nato a Cracovia. "Siamo tutti con te, non mollare", scrivono da più parti.

Dello spaventoso crash se ne parla sui Forum di Sky.it, dove  è stato aperto un topic dedicato Kubica, ma se ne parla anche sui Forum dedicati ad altri sport, come il calcio ad esempio. Sul sito ufficiale del Napol, il muro dei tifosi ha uno spazio intero dedicato alla vicenda. Su Vecchia Signora , infine, uno dei forum juventini più popolari, sono tutti d'accordo nel dire che "Robert va sostenuto perché è un bravo ragazzo prima che un ottimo pilota".

Alonso a Pietra Ligure - Il pilota della Ferrari Fernando Alonso si è recato all'ospedale di Pietra Ligure per seguire da vicino le condizioni del collega e amico della Renault.  Lo spagnolo non ha potuto naturalmente parlare con Kubica, sottoposto a intervento chirurgico alla mano, ma ha comunque scambiato alcune parole con il manager del polacco e con il medico che guida l'equipe impegnata nell'operazione. Poco dopo Alonso se ne è andato, provato per la grande emozione.




Tutti i siti Sky