Caricamento in corso...
26 ottobre 2011

L'addio a Sic sul web, cordoglio e vergogna in rete

print-icon

Facebook, Twitter, You Tube sono diventati il luogo virtuale dove esprimere commozione e vicinanza alla famiglia di Simoncelli dopo il tragico incidente in MotoGp. Non mancano gli sciacalli e quelli che diffondono notizie false. VIDEO E FOTO

IL DRAMMA DI SIMONCELLI: VAI ALLO SPECIALE

NEWS: La caduta in gara a Sepang - Il profilo di Simoncelli - Rossi si Twitter: "Per me era un fratello minore" - Il calcio lo onora con un minuto di raccoglimento - L'indagine sulla dinamica e sulle cause dell'incidente

FOTO: l'arrivo di Marco a FiumicinoLa carriera di Sic - La sequenza dell'incidente - La notizia sul web - La disperazione del padre - Le lacrime del suo paese - Il calcio in lutto per lui - Marco nella vita quotidiana

(in basso tutti i video sulla tragedia di Simoncelli)

di LIA CAPIZZI

La potenza della rete per svelarsi. Frasi, pensieri, confidenze, risate ma anche lacrime. Di fronte alla commozione per la morte di Super Sic il web si trasforma in un megafono senza confini geografici. Un tempo i bigliettini, cartelli come quelli sul piazzale di Coriano, bastavano. Oggi vengono affiancati a biglietti virtuali nelle bacheche dei social network. Tutti hanno qualcosa da scrivere, postare, commentare.

Gente comune o campioni, vip, trendsetter. Siamo tutti "animali sociali", che non vuol dire socievoli, perchè a volte stare davanti ad un computer, smanettare continuamente sul telefonino, in realtà ci fa sembrare più asociali. Una marea di "mi piace" o "ritwitto". Da Facebook a Twitter, passando per You Tube come miniera dei ricordi, per rivedere certi siparietti dove il sorriso ed i riccioli di di Marco bucavano il video ancor prima della sua parlata.

Un tempo una foto come quella diventata arcinota con Jovanotti, Simoncelli e Vale Rossi sarebbe rimasta chiusa nella scatola dei ricordi della famiglia di Jovanotti, ora invece fa il giro del mondo in un click. Poi, si sa, il web può non avere regole o freni, come nella vita quotidiana. Capita di scadere nella retorica o nel pressapochismo. O peggio capita di incappare in commenti ignobili magari sulla scia di quella pseudo-faida-in pista che a Montmelò aveva costretto Simoncelli a ricorrere a due guardie del copo. Capita di incappare in millantatori creatori di fake, profili falsi, che si fingono magari Valentino Rossi per lanciare l'idea di ritiro che non è mai esistita.

Ma certe brutture dopotutto basta farsele scivolare, ignorare. Lasciando ai social network la forza di far arrivare alla famiglia Simoncelli l'affetto ed il rispetto, quello vero e sincero, amplificato dal web.

Il mondo dei motori piange la morte di "Sic", entra nei Forum

Tutti i siti Sky