Caricamento in corso...
14 maggio 2014

Paul sbaglia tutto: Oklahoma, rimonta show in 47"

print-icon
pau

Il momento in cui Chris Paul commette fallo sul tentativo da tre di Westbrook, mandandolo in lunetta per tre liberi che risulteranno decisivi (Getty Images)

Notte folle in Nba: i Clippers buttano all'aria la possibilità di passare in vantaggio nella serie, quando a 47" dal termine erano a +7. Ora i Thunder conducono 3-2. Pesante sconfitta interna di Indiana: Washington vince di 23 e accorcia sul 2-3

LOS ANGELES CLIPPERS-OKLAHOMA CITY THUNDER 104-105 (Oklahoma conduce 3-2)
Clippers: Griffin 24, Crawford 19, Paul 17; Oklahoma: Westbrook 38, Durant 27.

Se questa serie non passerà alla storia, beh poco ci manca. Dopo l'assurda rimonta in gara-4 dei Clippers, in gara-5 se ne materializza una ancora più incredibile, più pazzesca e leggendaria. Non stiamo esagerando, sono i numeri e le modalità a parlare: basti pensare che a 47" dalla sirena i Clippers stavano 104-97, +7, insomma. Il colpo di grazia sembrava averlo dato Chris Paul, con la tripla del +7 appunto. Poi, incredibilmente, la luce del genio dei Clippers si è spenta, gettando nella disperazione il mondo Clippers.

In un match in cui Durant ha litigato col ferro, con percentuali dal tiro non da MVP, è Westbrook a prendersi sulle spalle Oklahoma, per evitare che la sconfitta interna portasse i Thunder a giocarsi un elimination-game a Los Angeles. Appena presa la tripla di Paul, i Thunder chiamano time-out. Ne escono alla grande, con Durant che piazza una tripla immediata: -4. Dall'altra parte Crawford, che aveva trascinato i Clippers, sbaglia e in un attimo Oklahoma si riporta sotto, con due punti di Durant in layup, con 17" da giocare. I Clippers possono gestire il possesso, in attesa di un fallo dei Thunder, ma Paul perde un incredibile pallone con 13" da giocare. E non è finita: sempre Paul va a contendere un tiro da tre a Westbrook, commettendo fallo e regalando tre liberi ai Thunder con 6"4 sul cronometro. Ovviamente Westbrook non si fa pregare e li infila tutti e tre, firmando il sorpasso. Ci sarebbe tutto il tempo per i Clippers per riportarsi avanti, ma Paul, davvero in confusione, perde un'altra palla, strappatagli da Ibaka. Finisce 105-104 per Oklahoma, che si porta così sul 3-2.

Devastato, a fine gara, CP3. "È il momento più duro della mia vita da giocatore. Sono responsabile di tutti gli errori nel finale. Loro dovevano fare fallo e io ho perso palla: è forse la cosa più stupida che io abbia mai fatto in vita mia".

WASHINGTON WIZARDS-INDIANA PACERS 102-79 (Indiana conduce 3-2)
Wizards: Gortat 31, Wall 27, Beal 18; Indiana: West 17, George 15.

Il fattore campo, in questa serie, non è un fattore. I Pacers, che nella regular season avevano perso solo sei volte in casa, vengono sconfitti per la quarta volta in casa nei playoff: sprecano così il primo match point, venendo sommersi dai punti e dai rimbalzi del gigante polacco Marcin Gortat (31 punti, 16 rimbalzi). Washington riapre così la serie e proverà, in casa, a portare Indiana a gara-7.

Match senza storia, scavato da un'enorme differenza a rimbalzo (62 a 23 per Washington) e da un terzo quarto in cui Gortat e Beal hanno seppellito i Pacers. George non riesce a ripetere la straordinaria gara-4, mentre Hibbert torna in formato gara-1 (quando fece registrare 0 punti e 0 rimbalzi) chiudendo con 4 punti e due rimbalzi. Ora, per gara-6, si torna a Washington: non un grosso vantaggio per gli Wizards, che hanno dimostrato ai playoff di essere squadra da trasferta.

Video

Tutti i siti Sky