Caricamento in corso...
27 novembre 2014

Messina nella storia: primo coach europeo a vincere in Nba

print-icon
mes

Ettore Messina nella storia: guida San Antonio, la "prima" Nba di un europeo

Orgoglio azzurro sul parquet statunitense, dove l'ex ct della nazionale italiana, in assenza di Popovich, centra il record alla guida di San Antonio nel 106-100 sui Pacers

E' la notte di Ettore Messina, a San Antonio: rimpiazza in panchina l'head coach Greg Popovich, che si è dovuto sottoporre ad alcuni trattamenti medici, guidando gli Spurs al successo contro i Pacers (106-100 il risultato finale). Una vittoria da record: l'ex ct dell'Italia diventa il primo europeo a vincere in Nba una partita della regular season. Messina, vincitore di quattro Eurolega (due con la Virtus Bologna e due con la Cska Mosca) e argento con gli azzurri agli europei del 1997. Prima del match era stato lo stesso Messina, che nel pre-season aveva già guidato gli Spurs contro Phoenix, ad assicurare sulle condizioni di Popovich: "Tornerà presto. Ovviamente non era quello che speravo ma non si tratta di nulla di grave. Tutti qui mi aiutano per farmi trovare a mio agio fin dal primo giorno".

La gioia di Messina -
"Nessuna domanda? Grazie!", ha sorriso Messina incontrando i cronisti dopo la partita. In realtà, le domande sono arrivate a raffica. "E' stata una grande vittoria per noi, sapevamo che avremmo affrontato avversari tosti, ben allenati e ben preparati. Indiana, anche se priva di diversi giocatori, arrivava da una grande vittoria a Dallas. Abbiamo cominciato giocando in maniera un po' anomala, l'assenza di coach Popovich inizialmente deve aver fatto effetto", ha spiegato. "Poi il nostro 'big trio' - ha detto riferendosi a Duncan, Parker e Ginobili - ha preso per mano la squadra. Nel primo tempo abbiamo perso troppi palloni e subito eccessivamente a rimbalzo. Nella ripresa abbiamo avuto perso solo 3 palloni e abbiamo dominato sotto i tabelloni, Leonard in particolare è stato straordinario. La squadra ha giocato con grande intensità".

Ginobili come a Bologna - Menzione speciale per Ginobili: l'argentino ha dominato il secondo tempo realizzando 21 dei suoi 28 punti. Nel quarto periodo, dopo un timeout, Ginobili ha realizzato un canestro pesantissimo. A qualcuno, sono tornati in mente i tempi in cui Messina allenava la Virtus Bologna e Ginobili dava spettacolo sul parquet con la maglia delle V nere. "Non oserei mai chiamare uno schema di Bologna qui. Quello è un tipico schema di Popovich", ha chiarito Messina sorridendo. A Ginobili, in panchina, ha detto qualcosa? "Gli ho detto 'Ti devo un'altra vittoria nella mia carriera'. E' stato incredibile. Non solo a livello tecnico, ma anche come intensità e grinta. Il suo atteggiamento è stato contagioso".

I complimenti di Dan Peterson
- "Messina ha rotto un muro invalicabile. Questa mattina mi sono subito complimentato con lui con una mail in  cui gli ho scritto: Sei la faccia del basket europeo". Dan Peterson, ex coach di Virtus Bologna e Olimpia Milano, si complimenta con Messina: "Qualcuno doveva essere il primo ed è stato meritatamente lui - spiega Peterson -, per la persona che è e per il coraggio che ha avuto di andare due volte in Nba come vice allenatore. E' stata premiata la sua tenacia e la sua intelligenza. E' una persona  laureata, di grandissima cultura e intelligenza, parla diverse lingue. Non sapevo se gli sarebbe mai stata data una opportunità ma grazie a Popovich e ai San Antonio Spurs è successo e, ciliegina sulla torta, ha anche vinto. Aveva già guidato San Antonio in un match di pre-season questo è diverso. Non ci sono aggettivi, Ettore è stato super, un record che non sarà mai superato".

Video

Tutti i siti Sky