Caricamento in corso...
13 novembre 2015

Warriors inarrestabili, Knight trascina i Suns contro i Clippers

print-icon
Bra

Brandon Knight stende i Clippers con il suo best-score in carriera: 37 punti (foto getty)

Golden State conquista la decima vittoria consecutiva battendo Minnesota 129-116 con il solito super Curry (46 punti). Phoenix super 118-104 la squadra di Los Angeles, che paga le assenze di Paul e Redick. Successo di misura dei Miami Heat 92-91 sugli Utah Jazz

Incontenibili Warriors. Golden  State supera Minnesota 129-116 e si conferma in grande forma ottenendo il decimo successo consecutivo in stagione. A spingere i detentori dell'anello (10-0 in stagione) il solito Stephen Curry autore di una gara sontuosa con 46 punti a referto di cui 21 realizzati nel primo quarto chiuso 40-27 dai Warriors nella tana dei Timberwolves (4-4), il Target Center.



Super Curry - Dietro Curry, il giocatore più prolifico in questo avvio di stagione Nba, c’è Draymond Green autore di 23 punti, 12 assist e 8 rimbalzi. Per Minnesota da segnalare la doppia di Karl-Anthony Towns, 17 punti e 11  rimbalzi, 19 punti per Andrew Wiggins. “È grandioso poter fare qualcosa che non è mai stato fatto nella storia della tua squadra - spiega a fine gara Curry, dopo aver realizzato il suo primo score sopra i 40 punti in stagione, il  dodicesimo in carriera -. Ma questo non significa nulla, non abbiamo vinto qualcosa, ma si tratta comunque di un ottimo avvio di stagione, il migliore. Vogliamo andare avanti su questa strada e fare ancora di  più".



Clippers battuti
- A Phoenix sconfitta dei Clippers 118-104 contro i Suns. A regalare il successo alla formazione di casa (4-4 in stagione) i canestri pesanti di Brandon Knight, che chiude con il suo best-score in carriera, 37 punti. Per Eric Bledsoe 26 punti, 10 rimbalzi e 9 assist. Gara subito in salita per la franchigia di Los Angeles, sotto 49-58 all'intervallo lungo, a pesare sulla prestazione dei Clippers (5-4) le assenze di Chris Paul e J.J. Redick, a cui va aggiunta l'espulsione di Blake Griffin. Priva dei suoi miglior realizzatori, la franchigia californiana ha in Jamaal Crawford il più prolifico sotto canestro con 18 punti, seguito da Wesley Johnson, 14.



Heat all'ultimo respiro - Vittoria di misura degli Heat 92-91 sugli Utah Jazz. La sfida, sul filo di lana fino all'ultimo, viene decisa a 11 secondi dalla sirena dai due tiri liberi messi a segno da Goran Dragic, che regala a Miami un vantaggio di +5. A nulla servono nel finale i canestri di Gordon Hayward e Alec Burks. Il migliore di Miami (6-3) è Chris Bosh, 25  punti, 17 per Tyler Johnson. Per i Jazz (4-4) 25 punti e 12 rimbalzi  di Derrick Favors, 24 per Gordon Hayward e Alec Burks.

Video

Tutti i siti Sky