Caricamento in corso...
13 maggio 2016

Spurs travolti, Thunder in finale di Conference

print-icon
kev

Kevin Durant trascina i suoi Thunder alla finale di Conference con 37 punti (foto Getty)

Oklahoma City, trascinata dalle sue stelle Westbrook e Durant, domina nella prima metà di gioco e controlla la rimonta di San Antonio, chiudendo la serie sul 4-2. Ora sfida a Golden State

La finale di conference a Ovest più attesa non ci sarà: a sfidare Golden State sarà Oklahoma City. I Thunder si aggiudicano infatti gara-6 della semifinale con San Antonio, chiudendo la serie sul 4-2 grazie al 113-99 inflitto agli Spurs sul parquet della Chesapeake Energy Arena, gremita di oltre 18mila spettatori. A far la differenza, per i padroni di casa, è la mano calda di Kevin Durant, a referto come top-scorer con un bottino personale di 37 punti; 28 di Russell Westbrook, mentre per gli ospiti ne realizza 22 Kawhi Leonard. Dopo un buon avvio degli Spurs, che si portano sul +6, Durant e Westbrook prendono ritmo e infliggono un parziale di 15-3 alle seconde linee di San Antonio, che non rendono come al solito. Oklahoma prende il largo e chiude il primo tempo sul 55-31 (peggior prestazione offensiva dell'anno per gli Spurs).

 

Nel terzo quarto il copione è praticamente lo stesso: la coppia Durant-Westbrook continua a fare il bello e il cattivo tempo, Kanter e Adams dominano sotto canestro. All'ultima pausa corta, gli Spurs sono sotto 91-65. Sembra tutto deciso ma l'orgoglio degli uomini di Popovich permette a San Antonio di ritornare sotto, fino al -11. Qualche spavento per i Thunder, che però riescono ad arginare la rimonta che si ferma a 2 minuti e mezzo dalla fine. Per Oklahoma City è la quarta finale di conference in sei anni.

 

Video

Tutti i siti Sky