Caricamento in corso...
30 giugno 2014

Estate, i rischi dell’igiene intima in rosa

print-icon
30_

Credits: Intermedia

I consigli della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia per l'igiene intima in estate e per riconoscere, evitare o curare la candida. Dall'alimentazione agli indumenti

Un fungo comune, ma insidioso se sottovalutato, può rovinare la serenità di coppia e il benessere fisico, soprattutto durante i mesi caldi. È la Candida Albicans, responsabile della candidosi, uno dei più diffusi disturbi ginecologici: colpisce il 70% delle donne. L’infezione, a causa di sintomi come prurito, dolore e perdite, costringe 8 italiane su 10 a rinunciare ai rapporti sessuali. E nell’83% dei casi mina decisamente la qualità di vita nel suo complesso. Il disturbo, se non curato, può essere trasmesso e crea l’effetto “ping pong” nella coppia. Per combatterlo esiste un efficace rimedio: la fibroina di seta, una fibra naturale al 100%, rispettosa dell’ecosistema femminile che non presenta nessuna controindicazione. I benefici della fibroina sono al centro di una campagna nazionale della SIGO (Società Italiana di Ginacologia e Ostetricia) contro la candida e i disturbi intimi.

Ecco le sei regole della SIGO per una corretta igiene intima durante l’estate:

Lavare accuratamente la zona intima: è necessario usare detergenti a pH fisiologico, cioè simile a quello delle mucose (pH 4 o 5). Evitare saponi troppo aggressivi (alterano l’acidità) e deodoranti intimi (causano allergie)

Indossare biancheria intima di fibroina di seta medicata. Sono sconsigliate invece le fibre sintetiche o artificiali

Seguire una dieta varia ed equilibrata: ricca di frutta e verdura, per garantire la buona funzionalità dell’intestino e l’efficacia del sistema immunitario

Utilizzare sempre il profilattico durante ogni tipo di rapporto sessuale. Il condom va usato fin dall’inizio e non alla fine del coito

Rivolgersi al proprio ginecologo appena ricompaiano sintomi evidenti come bruciore, prurito, perdite, difficoltà a urinare e dolore durante il rapporto. Lo specialista è il punto di riferimento per ogni tipo di dubbio sull’igiene intima.

Non indossare indumenti eccessivamente aderenti: il continuo sfregamento contro i genitali può favorire la comparsa di irritazioni che, a lungo andare, provocano infiammazioni e predispongono alla vestibolite vulvare

Prof. Paolo Scollo
Presidente SIGO

Tutti i siti Sky