Caricamento in corso...
30 dicembre 2014

Sport in musica per andare al massimo, ma occhio al volume!

print-icon
spo

Getty Images

Diversi studi hanno dimostrato i benefici degli allenamenti con le cuffie: migliora il coordinamento e l’esercizio grava meno sul corpo. Ma bisogna fare attenzione a non superare i decibel stabiliti dagli esperti

Volete potenziare le vostre prestazioni sportive? Sembra proprio che a essere d'aiuto sia la musica ascoltata in cuffia durante gli allenamenti, come dimostrano due recenti studi scientifici. Il primo della Brunel University di Londra sostiene come le cuffiette alle orecchie siano in grado  di modulare e armonizzare l'attività fisica, aiutando la coordinazione e i movimenti del corpo. Il secondo, ad opera dei ricercatori tedeschi del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences, ha evidenziato invece come la musica durante lo sport aiuti a ridurre la fatica: valutando l’assunzione di ossigeno e le variazioni della tensione muscolare, l’esercizio fisico gravava meno sull’organismo, aspetto anche confermato dai commenti degli sportivi.

Troppo alto - Ma attenzione praticare sport al ritmo della tua musica preferita può anche essere pericoloso. Secondo la Commissione Europea una persona su dieci che ascolta musica a tutto volume con gli auricolari per più di un’ora al giorno rischia, nell’arco di cinque anni, la perdita permanente dell’udito. “Alto volume significa oltre gli 89 decibel - sottolinea il prof. Giuseppe Spriano Presidente nazionale della Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale (SIOeChCf) – Si tratta di un valore superiore al limite massimo consentito sul posto di lavoro. I problemi di udito non riguardano soltanto gli anziani ma anche i giovani, che sono sempre più esposti al rumore e all'inquinamento acustico. Il 25% degli adolescenti è a rischio sordità per colpa anche della musica ascoltata a volume eccessivo. Il nostro consiglio - prosegue Spriano - è quello di effettuare una visita medica specialistica dall’otorino e sottoporsi a un esame audiometrico di controllo. Si tratta di un semplice test che dura solo cinque minuti ed è utile per determinare la soglia uditiva di una persona”.

Tutti i siti Sky