Caricamento in corso...
10 febbraio 2015

Neonati: le infezioni? Previenile con i probiotici

print-icon
neo

Getty Images

Lo rivela un recente studio internazionale pubblicato sul World Allergy Organization Journal : contro allergie ed eczemi nei bambini appena nati, i probiotici assunti dalla mamma sono dei veri alleati. Già a partire dai primi mesi di gravidanza

Allergia ed eczema? La prevenzione inizia nel grembo materno. Lo rivela uno studio internazionale promosso dall’Organizzazione Mondiale dell’Allergia (WAO) - McMaster University, pubblicato di recente sul World Allergy Organization Journal. La ricerca, nata dall’analisi incrociata di diversi studi condotti negli ultimi 15 anni, dimostra che l’assunzione di alcuni tipi di probiotici durante la gravidanza contribuisce ad abbassare il rischio di allergie e dermatiti atopiche per il neonato.

Il parere dell'esperta - “Si tratta di una ricerca importante. L’eczema nei bambini a rischio si può prevenire con la somministrazione alle future mamme di Lactobacillus rhamnosus GG (tra i ceppi più studiati), proseguendo poi durante l’allattamento e lo svezzamento nei neonati”, – spiega la professoressa Erika Isolauri del Dipartimento di Pediatria dell’Università di Turku in Finlandia, esperta mondiale di probiotici in età pediatrica. – “È tuttavia necessario distinguere specie e ceppo di probiotico utilizzato e definire il dosaggio per ottenere l’effetto desiderato”, chiarisce l’esperta.

Erika Isolauri studia i probiotici fin dagli ultimi anni ’80 per il trattamento della diarrea acuta nei bambini, nei quali si aveva un recupero più rapido dalla malattia. Dal 1997, si è interessata di Lactobacillus rhamnosus GG nella prevenzione delle allergie. Nelle linee guida sono citati alcuni effetti collaterali, anche se lievi, conseguenti all’assunzione di probiotici, ma nella sua lunga esperienza, la studiosa, non ha mai osservato eventi avversi importanti durante la somministrazione di questi batteri amici.

Dalla gravidanza alla maternità - L’esperta suggerisce alle mamme di assumere probiotici sin dall’inizio della gravidanza, perché esiste un’interazione tra flora batterica intestinale (microbiota) della madre con il feto che favorisce il normale sviluppo del microbiota nel bambino. Si tratta di un aspetto importante perché al momento della nascita, il bambino sano non ha ancora incontrato, all’interno dell’utero materno, nessun antigene; il suo sistema immunitario è ancora da formare e deve rispondere a due grandi sfide: contrastare i batteri patogeni e tollerare i nuovi alimenti con cui verrà a contatto.
Favorire il normale sviluppo del sistema immunitario prima della nascita è fondamentale: i “maestri” di questo processo formativo sono proprio gli antigeni che vengono a contatto con il microbiota, dunque capire i meccanismi di sviluppo e regolazione del microbiota per poter utilizzare al meglio i probiotici è la nuova sfida dei ricercatori.

Tutti i siti Sky