Caricamento in corso...
18 febbraio 2015

Probiotici, grandi alleati contro l’influenza

print-icon
pro

Getty Images

Se somministrati in quantità adeguate, i microrganismi come il Lactobacillus rhamnosus GG apportano molti benefici. A cominciare da una forte azione di contrasto delle otiti e della diarrea

In questi giorni di freddo intenso, complice l’altalena delle temperature, trionfano i virus e molte persone sono alle prese con raffreddore, influenza, mal di gola, mal d’orecchie e soprattutto disturbi gastro-intestinali.

In particolate la dissenteria è tra i sintomi più fastidiosi che possono colpire, in questo periodo, soprattutto i bambini, a cause di virus, o all’uso di antibiotici. I principali elementi di rischio sono il tipo di antibiotico utilizzato, le condizioni cliniche della persona, i fattori ambientali. Tutti fattori che possono alterare il microbiota: la popolazione di migliaia di microorganismi che vive in simbiosi con il nostro organismo e dal cui equilibrio dipende in maniera sostanziale il nostro stato di salute. Questi batteri vivi sono a stretto contatto con la mucosa intestinale che costituisce, dopo quella respiratoria, la più grande superficie libera del nostro corpo: circa 250-400 metri quadrati.

La microflora intestinale ha un ruolo fondamentale nella difesa dai patogeni, nella stimolazione del sistema immunitario, nella produzione di sostanze ad azione benefica come le vitamine e nella fermentazione delle fibre. L’interazione tra microbiota e sistema immunitario risulta cruciale per la prevenzione delle relative patologie infettive, allergiche e infiammatorie. Un aiuto per ripristinare l’ordine intestinale può arrivare dai probiotici.

Si tratta di microrganismi che, secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità  somministrati in quantità adeguate, sono in grado di apportare benefici alla salute dell’ospite. Questi batteri possano raggiungere la mucosa intestinale vivi e vitali, sono in grado di sopravvivere all’acidità gastrica e all’alcalinità biliare; e  capaci di colonizzare l’intestino.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che i probiotici (in particolare, il Lactobacillus rhamnosus
GG) presentano una vasta gamma d’azione nel contrastare la diarrea. In particolare, l’assunzione corretta di probiotici:
-    è in grado di neutralizzare microbi e tossine, riducendo il rischio di sviluppo di altre infezioni;
-    consente una più rapida guarigione dai disturbi intestinali come la diarrea, con riduzione della durata e della gravità e prevenzione le recidive;
-    riduce la sintomatologia associata all’uso di antibiotici;
-    ha un effetto preventivo sulle infezioni ospedaliere.

Inoltre, i dati ottenuti da numerose ricerche suggeriscono che i probiotici rappresentano un mezzo sicuro per ridurre il rischio di otiti, oltre a diminuire il ricorso ad antibiotici per le infezioni respiratorie, molto frequenti in questa stagione.

Tutti i siti Sky