Caricamento in corso...
26 febbraio 2015

Grave eccesso di peso? Combattilo con l’attività fisica

print-icon
don

Getty Images

Nel mondo occidentale il trend di crescita dell’obesità non si arresta. Adottare fin dalla prima infanzia corretti stili di vita è fondamentale. Soprattutto in un paese come l’Italia in cui meno della metà dei ragazzi tra i 20 e i 30 anni pratica sport

Sei obeso e non hai intenzione di dimagrire? Niente welfare. Questa è la ricetta proposta dal Primo Ministro britannico David Cameron: chi rifiuta di fare ginnastica e di sottoporti alle terapie mediche per ritrovare la forma e la salute non avrà più diretto ai servizi welfare. Si tratta di una battaglia di principio: per riportare i costi del sistema sanitario sotto controllo e promuovere la salute pubblica.

Medicina preventiva - “Gli ultimatum? Possono essere necessari – afferma il prof. Sergio Pecorelli, Presidente di Healthy Foundation – Ma il futuro di tutti i sistemi sanitari deve passare obbligatoriamente dalla medicina preventiva, basata su corretti stili di vita, che si concretizza in attività come l’esercizio fisico, la sana alimentazione e la lotta al tabagismo e all’abuso di alcol e droghe. Nei Paesi occidentali il trend di crescita di obesità e sedentarietà non si arresta, e sarà sempre più complicato assicurare ai cittadini una sanità efficiente e sostenibile senza progetti mirati – ricorda Pecorelli - Adottare fin dalla prima infanzia corretti stili di vita è fondamentale per eliminare innumerevoli “piaghe” sociali: non solo l’aumento eccessivo del peso, ma anche altre patologie (diabete, ipertensione, allergie, osteoporosi). Da qui l’importanza d’intraprendere azioni volte a educare, a informare e formare la popolazione di tutte le età, sviluppando partnership con le Istituzioni pubbliche e private. Questo è possibile attraverso azioni e campagne mirate”.

Giovani “poltroni” - “Nel nostro Paese, nella fascia di popolazione che dovrebbe essere più attiva e in forma, quella che va dai 20 ai 30 anni, meno della metà delle persone pratica sport. E più si invecchia e meno ci si muove – aggiunge Pecorelli - Per questo l’impegno di associazioni come HF è fondamentale: partire dalla prevenzione e dai giovani è l’unica strada per garantire e tutelare il benessere dell’intera comunità e la sostenibilità del sistema. I bambini italiani sono tra i più “poltroni” d’Europa. Preferiscono passare sempre più tempo davanti a videogiochi e internet. Corrono gravi rischi per la loro salute da adulti. Ecco perché attraverso i nostri progetti – conclude l’esperto – incoraggiamo tutti gli italiani a muoversi di più, accompagnando gli esercizi con una dieta equilibrata. Promuovere giusti stili di vita richiede partecipazione e impegno, non solo ultimatum”.

Tutti i siti Sky