Caricamento in corso...
27 febbraio 2015

Tumori, poca prevenzione tra le donne immigrate

print-icon
mam

Getty Images

Più del 50% delle cittadine extracomunitarie non svolge il pap-test nella fascia d’età consigliata. E lo stesso vale per la mammografia e altri esami di screening. Al via una campagna di sensibilizzazione per informare sulle neoplasie più diffuse

Prosegue la campagna La Lotta al Cancro non Ha Colore, la prima mai realizzata in Italia di prevenzione delle neoplasie dedicata ai cittadini più disagiati, in particolare gli immigrati. In questi giorni attraverso ospedali, organizzazioni di volontariato, ambasciate e i medici di famiglia la Fondazione Insieme contro il Cancro sta distribuendo migliaia di opuscoli in sette lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, filippino, cinese e arabo).

Diseguaglianze sociali
- “Contro i tumori si può giocare d’anticipo non solo seguendo stili di vita sani ma anche sottoponendosi regolarmente ad esami in grado di individuare precocemente la malattia - afferma il prof. Francesco Cognetti, presidente della Fondazione ‘Insieme contro il Cancro’ che promuove l’iniziativa in tutto lo Stivale - Meno del 50% delle donne immigrate nella fascia d’età raccomandata svolge il pap-test per scoprire in modo precoce il tumore della cervice uterina, contro il 72% delle italiane. Il 43% (vs 73%) effettua regolarmente la mammografia e solo il 20,7% (vs 47%) esegue l’esame del sangue occulto nelle feci, consigliato per individuare il cancro del colon-retto. Come evidenziato dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, anche nei Paesi occidentali permangono grandi diseguaglianze sociali che esercitano un impatto sull’incidenza, sulla mortalità e sulla sopravvivenza. In particolare si registrano percentuali di rischio maggiori fra le persone in condizioni di disagio socio-economico per il tumore del polmone, dello stomaco, del tratto digestivo superiore e della cervice uterina. Attraverso i nostri opuscoli - conclude Cognetti - vogliamo cercare di abbattere le barriere linguistiche  e favorire la partecipazione agli screening da parte dei cittadini di origine straniera”.

Le iniziative - La Lotta al Cancro non Ha Colore svilupperà nel corso dell’anno altre con numerose altre iniziative, e coinvolgerà testimonial d’eccezione, appartenenti al mondo dello sport e dello spettacolo. Tra questi: il capitano della Roma Francesco Totti, i portieri Dino Zoff e Morgan De Sanctis , il tennista Nicola Pietrangeli; ma anche Paola Perego, Paolo Bonolis e Amadeus, Renzo Arbore; Antonello Venditti, gli attori Carlo Verdone e Sergio Rubini, i registi Giuseppe Tornatore ed Enrico Vanzina.

Tutti i siti Sky