Caricamento in corso...
02 marzo 2015

Vaccini, la diffidenza va combattuta anche a scuola

print-icon
vac

Getty Images

In Italia si registrano percentuali di vaccinazioni infantili più basse rispetto ad altri paesi occidentali. Mentre crescono le informazioni allarmistiche senza base scientifica, parte un progetto di sensibilizzazione della Healthy Foundation

Su cento siti internet dedicati alle vaccinazioni in età infantile, il 95% riportano pareri contrari (o addirittura allarmistici) verso questa pratica medica. Si sta sempre più diffondendo la credenza che le immunizzazioni siano causa di gravi malattie o portino alla morte. I risultati? Il calo del ricorso a vaccini in tutto il mondo e la ricomparsa di patologie infettive che sembrava debellate (come il morbillo). E’ questo l’allarme recentemente lanciato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che mostra forte preoccupazione per il fenomeno che interessa anche il nostro Paese. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità la media nazionale italiana di vaccinazione si ferma all’88% (contro il 97% della Germania o il 91% degli Stati Uniti). Forti sono le differenze registrate tra i vari territori. In Lombardia la copertura è del 92,6% mentre nella Provincia Autonoma di Bolzano del 68,9%. 

“Molti genitori si chiedono come mai debbano vaccinare i propri figli contro malattie che non esistono più - sottolinea il prof. Alberto Ugazio, Direttore del Dipartimento di Medicina Pediatrica, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma - La verità è che poliomielite e difterite non sono affatto scomparse. La polio è ancora endemica in Pakistan, Afghanistan e Nigeria. Mai come oggi i vaccini sono efficaci e sicuri. Il problema è purtroppo complesso e coinvolge la stessa evoluzione culturale dell’Occidente. Oggi il pensiero scientifico non riesce a imporsi al mondo di internet e dei social network confondendo conoscenza e competenza. Le pagine di Google mettono tutte le conoscenze sullo stesso piano: verità scientifiche, pettegolezzi o notizie attendibili”.

“Per contrastare la crescente diffidenza, le vaccinazioni devono diventare un tema di formazione fin dai primi anni della scuola - afferma il prof. Sergio Pecorelli presidente di Healthy Foundation -. Per questo abbiamo lanciato la campagna Il Ritratto della Salute 10 +. Nelle prossime settimane andremo nelle scuole medie di sette regioni italiane per spiegare ai ragazzi l’importanza di seguire stili di vita sani e dell’uso dei vaccini per crescere in forma e in salute”.

L’iniziativa è resa possibile da un educational grant di Sanofi Pasteur MSD e gode del patrocinio del Ministero della Salute e del Ministero dell’Istruzione.

Tutti i siti Sky