Caricamento in corso...
09 marzo 2015

Troppa televisione? Attenti all’ipertensione già da bambini

print-icon
bam

Getty Images

Con più di due ore al giorno davanti al piccolo schermo aumenta del 30% il rischio di sviluppare ipertensione da adulti. È quanto è emerso da un recente ricerca svolta su più di 5000 bimbi europei. I consigli degli esperti per iniziare la prevenzione da piccoli

Guardare troppa televisione e passare pomeriggi interi a giocare ai videogame sono due attività poco salutari che possono compromettere il benessere e lo sviluppo psico-fisico dei bambini. Con più di due ore al giorno davanti al piccolo schermo, infatti, aumenta del 30% il rischio di sviluppare ipertensione da adulti.  Per un bimbo che, invece, svolge meno di un’ora al giorno di attività fisica il pericolo aumenta del 50%. È quanto è emerso da un recente ricerca svolta su più di 5000 bambini europei e pubblicata sulla prestigiosa rivista International Journal of Cardiology.

Prevenzione - L’ipertensione è una condizione caratterizzata da un aumento dei valori della pressione che il cuore su arterie e vene. È molto pericolosa, perché i vasi rischiano un’eccessiva usura e gravi danni. Colpisce oltre il 30% degli adulti nel nostro Paese e la prevenzione deve cominciare fin da piccoli. Ma i giovani cittadini italiani non sempre seguono stili di vita corretti. Il 18% pratica sport per non più di un’ora a settimana. Il 35% guarda la TV o gioca con i videogiochi più di 2 ore al giorno, e solo 1 bimbo su 4 va scuola a piedi o in bicicletta.

60 minuti al giorno - “I risultati dello studio sono molto preoccupanti –  afferma il prof. Sergio Pecorelli presidente di Healthy Foundation – La tecnologia, ormai, è sempre più importante per i giovanissimi, che spesso si “dimenticano” di praticare un po’ di sport. Per i bambini e ragazzi d’età compresa tra i 5-17anni basterebbero 60minuti al giorno di attività fisica, da moderata a vigorosa, per ridurre il rischio di sviluppare poi in età adulta importanti patologie croniche, come ipertensione e obesità. Inoltre nello sviluppo di un bambino lo sport rappresenta un’occasione di crescita, una scuola di vita che insegna valori importanti come saper vivere bene in gruppo – conclude Pecorelli - Confrontarsi con le proprie abilità, imparare a prendere decisioni e rispettare le regole. Essendo alti i rischi in termini di importanti patologie croniche che possono insorgere in età adulta, è importante promuovere corretti stili di vita tra i giovanissimi. Una vita in movimento rappresenta, insieme a una sana alimentazione, il fondamento per godere di ottima salute a tutte le età”.

Tutti i siti Sky