Caricamento in corso...
16 aprile 2015

La giusta dose di attività fisica per tutte le età

print-icon
att

Getty Images

Il movimento aiuta a prevenire fino a 40 malattie. Per essere davvero efficace deve essere “dosato” in maniera calibrata a seconda dell’età: 60 minuti al giorno fino a 17 anni, almeno 150 minuti a settimana tra i 18 e i 64 anni, 3 volte a settimana dopo i 65 anni

Lo sapevate che grazie ad un po’ di movimento fisico è possibile prevenire fino a 40 malattie croniche che colpiscono il corpo e la mente? L’attività fisica è infatti la migliore medicina preventiva un vero e proprio ‘farmaco’. Però per esser efficace deve seguire dei dosaggi precisi. L’età rappresenta senz’altro il primo criterio da valutare per una giusta somministrazione dell’esercizio. Ecco quali sono quali sono le giuste dosi di movimento.

Da 5 a 17 anni - L’attività fisica è fondamentale in questa età: bisognerebbe praticarne come minimo 60 minuti al giorno, concentrandosi 3 giorni a settimana su attività intense per rafforzare muscoli e ossa (sport agonistico, ma anche una partita di calcio, basket, pallavolo, tennis). Il resto dell’attività deve essere di tipo moderato, come giocare all’aperto, andare in bicicletta o praticare un hobby dinamico.

Da 18 a 64 anni
- Servono almeno 150 minuti a settimana di attività moderata (ad esempio mezz’ora di corsa per 5 giorni) oppure 75 minuti di attività intensa (come 2 allenamenti di calcio a settimana). In ogni caso, almeno 2 volte alla settimana bisognerebbe concentrarsi sulla muscolatura, con sport intensi o esercizi aerobici. Ovviamente, soprattutto dai 18 ai 40 anni, è meglio abbondare rispetto alla soglia minima!

Dopo i 65 anni - Per prevenire il declino fisico e cognitivo, oltre che cadute e osteoporosi, occorre praticare esercizi di rafforzamento muscolare moderato almeno 3 volte a settimana. Ricordate che basta una passeggiata di 5.000 passi al giorno per mantenere il proprio organismo sano e attivo.

Iniziare a muoversi fin da piccoli -  I giovani italiani sono troppo sedentari e conducono stili di vita errati. Secondo il Ministero della Salute il 18% pratica sport poco più di un’ora a settimana e quindi ben al di sotto della media raccomandata dagli esperti. “Dobbiamo promuovere maggiormente lo sport tra i nostri ragazzi - afferma il prof. Sergio Pecorelli presidente di Healthy Foundation (HF) e Rettore dell’Università di Brescia -  Come HF siamo impegnati con il progetto Il Ritratto della Salute 10+ la prima campagna al mondo dedicata agli studenti delle scuole medie inferiori su stili di vita corretti. Ogni settimana specializzandi in medicina svolgono lezioni per i ragazzi e Nei nostri “corsi di salute” par-liamo anche di vaccinazioni che sono una parte essenziale degli stili di vita”. L’iniziativa coinvolge le scuole di Sicilia, Campania, Lazio, Piemonte, Toscana, Emilia-Romagna e Friuli Venezia Giulia. E’ resa possibile da un educationa grant di Sanofi Pasteur e ha il patrocinio del Ministero della Salute e del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Tutti i siti Sky