Caricamento in corso...
15 maggio 2015

Zanzare, come scacciarle senza usare insetticidi

print-icon
zan

Getty Images

Sono fastidiose, ma non pericolose per la salute (almeno in Occidente). “Meglio evitare l’uso di insetticidi oggi se non si vuole avere armi inefficaci nel caso di epidemie”, spiegano gli esperti, suggerendo le soluzioni alternative da adottare

Le malattie virali trasmesse dalle zanzare sono, nei paesi tropicali, un vero flagello. La Dengue colpisce circa 400 milioni di persone all'anno e la Cikungunya ha fatto registrare centinaia di migliaia di casi, nel 2007 anche in Italia. Quest’ultima infezione ha colpito oltre 200 residenti dell’Emilia-Romagna. “Dopo di allora non ci sono stati più casi nel nostro Paese e solo episodi sporadici in Europa, ma si tratta  di un equilibrio precario - afferma il prof. Roberto Ronchetti, prof. Emerito di Pediatria all'Università di Roma "La Sapienza" e per oltre 30 anni Direttore al Policlinico Umberto I di una Cattedra dedicata alla Pneumologia pediatrica, tra i fondatori della Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI) - Il nostro clima sempre più caldo e umido (global warming) potrebbe favorire nei prossimi anni una maggior infettività dei virus “tropicali” e la comparsa nelle aree mediterranee di casi singoli o addirittura di epidemie delle temute malattie. Il pericolo viene dagli agenti patogeni - aggiunge il prof. Ronchetti - che potrebbero espandere le loro aree di colonizzazione e non dalla ”zanzara tigre” che ormai da trenta anni vive “tranquillamente” in Italia. L’animaletto in estate rende “non tranquille“ le nostre notti e cene all’aperto, ma fare la “lotta” alle zanzare con l’irrorazione nelle aree pubbliche e private di insetticidi è inutile e controproducente. Tutte le zanzare sono in grado di attivare un alto numero di processi metabolici che in tempi brevi le rendono “resistenti” agli insetticidi che in teoria dovrebbero ucciderle.

“Bisogna evitare l’uso di insetticidi oggi se non si vuole avere armi inefficaci nel caso in cui eventi epidemici le rendessero indispensabili per la difesa della popolazione - sottolinea il prof. Ronchetti - Riducono la presenza degli insetti solo per poco tempo, hanno effetti contaminanti perché tutti gli insetticidi attentano alla biodiversità e sono in vario modo pericolosi. In Italia purtroppo il consumo attuale di insetticidi è largamente eccessivo ne utilizziamo addirittura il 50% del totale di tutti quelli usati in Europa. Questa anomalia Italiana va corretta - conclude Ronchetti -. E’ necessario quindi per difenderci dalle zanzare ricorrere ad altri rimedi”.

Ecco come tenerle lontane dalle nostre case ed evitare la loro riproduzione:
- Non creare i ristagni d’acqua: attenzione quindi ai sottovasi dei fiori o alle pozzanghere in giardino, sono habitat ideali per la nidificazione e proliferazione degli insetti;
- Scegliere la pianta giusta: si provi a coltivare citronella, cedrina, gerani, basilico, lavanda e menta, sono tutti vegetali non molto amati dalle zanzare;
- Installare delle zanzariere sugli infissi della propria abitazione ed eventualmente sui propri letti: è un metodo ecologico ed il costo è contenuto;
- l’uso di creme e di un appropriato abbigliamento sono rimedi efficaci .

Tutti i siti Sky