Caricamento in corso...
29 maggio 2015

SIMRI, insegniamo ai giovani a dare un calcio… al fumo

print-icon
fum

Credits: Flickr/x_xoxo

La Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili aderisce alla Giornata Mondiale Senza Tabacco in programma il prossimo 31 Maggio attraverso una campagna rivolta a bambini e adolescenti

“La più grande minaccia per la salute” così l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito il fumo di tabacco. Fumare è, infatti, il principale fattore di rischio per numerose patologie respiratorie, che colpiscono sempre più spesso non solo gli adulti, ma anche i più piccoli. Dalla bronchite all’asma, in Italia almeno un bambino su cinque soffre di queste malattia in forma cronica; tra le cause più accreditate l’esposizione alle oltre 4000 sostanza tossiche contenute nelle sigarette fumate dai genitori. Per questi motivi, la Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili aderisce alla Giornata Mondiale Senza Tabacco, il prossimo 31 maggio, e si prepara a lanciare la sua prima campagna  rivolta ai bambini e agli adolescenti dal titolo “Dai un calcio al fumo”. Scopo? Sensibilizzare ed evidenziare gli enormi e sottovalutati rischi per la salute associati al consumo di tabacco e prevenire il precoce approccio al fumo di sigaretta tra i giovanissimi.
“È importante attuare interventi di prevenzione e informazione sul fumo di sigaretta, rivolgendoci a bambini in età evolutiva – spiega il dott. Renato Cutrera, Presidente della Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili e direttore dell’unità operativa di Broncopneumologia all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma  – Si tratta di in una fase in cui l’apprendimento è particolarmente rapido e immediato e in cui si fissano comportamenti che poi permangono anche nell’età adulta. Sempre più evidenze indicano invece come sia necessario anticipare la prevenzione, in particolare nei confronti delle malattie oncologiche, cardiovascolari e respiratorie, perché stili di vita scorretti in età pediatrica e adolescenziale possono determinare danni anche a lungo termine”.

La nuova campagna partirà da Torino a Ottobre, in occasione del Congresso Nazionale sulle malattie respiratorie infantili e toccherà altre province. Il progetto educazionale coinvolgerà gli istituti scolastici, in particolare i bambini di quinta elementare e agli adolescenti di prima e seconda media inferiore.

“Nel corso del congresso che si terrà al Centro Congressi Lingotto di Torino, il 24 ottobre, allestiremo uno spazio educazionale per incontrare le scolaresche, gli insegnanti e i genitori – aggiunge il dott. Massimo Landi, Direttivo Nazionale SIMRI – Verranno approfonditi diversi temi sul fumo passivo e l’inquinamento. Saranno presenti medici e pneumologi pediatrici della SIMRI, che consentiranno a bambini e genitori di fare un esame gratuito della spirometria”.

Il progetto prevede inoltre una parte ludica per coinvolgere i ragazzi e invitarli a riflettere sui pericoli della sigaretta. “Organizzeremo un mini torneo di calcio e un concorso a premi per coinvolgere i bambini a riflettere sui danni del fumo e a diffondere la prevenzione a scuola e in famiglia – spiega la dott.ssa Elisabetta Bignamini, Direttivo Nazionale SIMRI  – Saranno coinvolti anche testimonial del mondo dello sport, come ad esempio Massimiliano Allegri, attuale allenatore della Juventus. A tutti i bambini partecipanti saranno distribuiti gadget e opuscoli informativi”.

La campagna sarà sostenuta, tra gli altri, da Healthy Foundation, l’associazione presieduta dal prof. Sergio Pecorelli, che da anni è impegnata con progetti analoghi in materia di prevenzione e promozione di stili di vita sani per i giovani e WALCE, l’organizzazione no profit, presieduta dalla prof. Silvia Novello, impegnata in campagne di sensibilizzazione contro il fumo su tutto il territorio nazionale.

Tutti i siti Sky