Caricamento in corso...
07 luglio 2015

Per un estate al top, metti in valigia i probiotici

print-icon
vac

Getty Images

Sbalzi di temperatura, alimentazione sregolata, ore di sonno perse… Spesso durante le vacanze si verificano fattori che possono alterare l’equilibrio della microflora intestinale. Ecco perchè è importante scegliere il ceppo giusto per rinforzare le difese

L’estate è la stagione per recuperare energie, combattere lo stress, svagare, lasciandosi alle spalle difficoltà e preoccupazioni. Ma a volta, in vacanza, le cose non vanno proprio come si vorrebbero. Sbalzi di temperatura, alimentazione sregolata, ore di sonno perse, mete esotiche sono fattori  che possono stressare l’organismo e alterare l’equilibrio della microflora intestinale. I probiotici possono darci una mano a rinforzare il nostro sistema immunitario, aiutandoci a prevenire e risolvere i fastidiosi disturbi intestinali che rischiano di rovinare le nostre vacanze. Secondo diversi studi scientifici internazionali tra il 40% ed il 60% di coloro che viaggiano in qualsiasi parte del mondo, ma in particolare nelle zone a basso controllo igienico ed a clima caldo, sono esposti a disturbi di natura gastro-enterica. Anche in estate, i probiotici riescono a superare la barriera acida dello stomaco e giungere integri e vitali il nostro intestino. Qui proliferano, contrastando l’azione infettiva o infiammatoria dei batteri patogeni. In base al tipo di ceppo assunto, sono diversi i benefici: molti ceppi di lactobacillus e bifidobacterium riescono a rinforzare le difese immunitarie.

Il lactobacillus rhamnosus GG, ad esempio, ha un’azione protettiva, riequilibra la microflora e contrasta i disturbi intestinali più fastidiosi in vacanza come la diarrea del viaggiatore e  la stipsi, ma anche gonfiore e meteorismo. Le donne, in particolar modo, possono trarre grandi benefici da specifici ceppi di probiotici, non solo per l’intestino. Alcuni microrganismi, ad esempio, influenzano anche la composizione della microflora vaginale, agendo quindi con un doppio effetto: a livello sia dell’apparato digerente che riproduttivo. Numerosi studi scientifici hanno evidenziato come l’assunzione orale di lactobacillus rhamnosus GR-1 e lactobacillus reuteri RC-14 potenzi l’effetto delle terapie farmacologiche contro la candida e contro infezioni le vaginosi e le vaginiti, molto frequenti nel periodo estivo.

Ma i probiotici hanno un ruolo determinante anche nell’azione di assorbimento degli alimenti. In estate, in modo particolare, favoriscono l’assorbimento del calcio, attraverso la sintesi della Vitamina D, prodotta naturalmente dall’organismo attraverso l’esposizione al sole. Il funzionamento del sistema digestivo dipende, infatti, dal rapporto armonioso di tre elementi che compongono l’ecosistema dell’intestino: il sistema immunitario, la mucosa intestinale e la il microbioma. Per beneficiare pienamente dell’azione di questi microorganismi, è  importante mantenere anche in vacanza una dieta equilibrata, consumare più frutta e verdura per assumere fibre e vitamine e contrastare l’azione dei radicali liberi; bere molta acqua (non meno di due litri) per recuperare i sali minerali persi con il sudore; diminuire drasticamente i grassi animali, che rallentano la digestione e dare un taglio all’alcool, che in questo periodo dell’anno, anche in quantità moderate, può non essere ben tollerato dall’organismo.

Tutti i siti Sky