Caricamento in corso...
14 settembre 2015

“Federica”, un premio per raccontare l’esperienza del cancro

print-icon
pre

Credits: Flickr/franksworldpics

Pazienti, familiari e medici si sfidano in versi o prosa per condividere il proprio rapporto con la malattia. Nato da un’idea della Fondazione AIOM, il concorso si chiama così per ricordare una giovane che ha combattuto con determinazione e ottimismo contro il tumore. 

 

Esistono molti modi di affrontare direttamente una malattia, i problemi di un caro che sta male o le difficoltà di una professione sempre a contatto con persone che soffrono. C’è chi decide di andare a correre la maratona di New York, altri fondano associazioni per aiutare pazienti e familiari. Chi indossa un camice bianco semplicemente si impegna con sempre maggiore dedizione nel proprio lavoro di cura e ricerca. Il cancro colpisce ogni giorno 1.000 italiani e ogni singolo caso rappresenta una sfida non solo per il paziente, ma anche per i suoi parenti e per il personale medico sanitario. Queste tre figure (paziente, familiare e camice bianco) sono dunque unite da un comune destino: sconfiggere il tumore. E ognuno ha le sue storie, emozioni, esperienze e raccomandazioni da poter raccontare.

Da qui l’idea della Fondazione AIOM (l’onlus Associazione Italiana di Oncologia Medica) di Federica Le Parole della Vita: il primo concorso letterario nazionale in cui malati, familiari e operatori sanitari si sfidano in versi o in prosa. L’obiettivo è raccontare la propria esperienza di vita (diretta o indiretta) con la malattia per affrontare meglio le difficoltà che essa comporta. L’iniziativa è presentata oggi al Comune di Verona. Fino al 31 gennaio 2016 sarà possibile inviare i propri scritti a premioletterariofederica@fondazioneaiom.it

 

“Abbiamo deciso di chiamarla Federica per ricordare una giovane che ha combattuto contro la sua malattia con determinazione e ottimismo continuando a scrivere, sognare, lavorare e progettare - sottolinea la dott.ssa Stefania Gori Segretario Nazionale AIOM - Con questa iniziativa vogliamo dare anche un messaggio di fiducia all’intera popolazione. E testimoniare come il cancro sia sempre più una malattia curabile”. 

 

“La scrittura può essere uno “strumento terapeutico” - afferma il dott. Fabrizio Vice Presidente della Fondazione AIOM - In Italia più del 50% dei pazienti riesce a sconfiggere la neoplasia. Eppure il tumore rappresenta ancora una tabu, qualcosa che fa troppa paura e del quale è meglio non parlare. Con il concorso vogliamo rompere il muro del silenzio e incoraggiare tutti a raccontarsi. Condividere emozioni, stati d’animo, consigli e speranze può far sentire meno soli”.  

 

“La nostra Fondazione è da anni impegnata nell’avvicinare i medici ai pazienti - sostiene il dott. Carmelo Presidente Nazionale della Fondazione AIOM -. E’ con questo spirito che abbiamo dato il via al concorso Federica. Abbiamo istituito una giuria che avrà il compito di valutare le produzioni letterarie e premierà le migliori. E’ composta da medici ed esponenti del mondo della cultura. La cerimonia di premiazione avverrà il 21 maggio 2016 a Verona durante un evento speciale interamente dedicato alla lotta al cancro”.

 

Tutti i siti Sky