Caricamento in corso...
08 ottobre 2015

Salute, la prevenzione non ha età

print-icon
anz

Getty Images

Ha preso il via il primo tour nazionale indirizzato agli over-65. Appuntamento in dieci città italiane con oncologi e altri esperti pronti a parlare con gli anziani della lotta alle neoplasie. Perché non è affatto vero che a una certà età non serve a niente cambiare i propri stili di vita...

Un italiano su due (il 49%) ignora che i corretti stili di vita possono prevenire l’insorgenza di un tumore. Mentre il 79% degli ultrasessantacinquenni ritiene che modificare le proprie abitudini sbagliate da anziani non serva a molto. Col risultato che nel nostro Paese abbiamo il 46,4% di nonni in sovrappeso, il 16% obesi, il 21% fumatori, che consumano nel 40% alcool in quantità rilevante mentre solo quattro su dieci svolgono attività fisica con regolarità. “Una situazione preoccupante, frutto di molti miti sbagliati – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) – Per questo abbiamo deciso di partire con il primo tour mai realizzato in Italia sulla prevenzione dei tumori negli anziani. Perché a tutte le età modificare in meglio i propri stili di vita è opportuno e consigliabile”. Una vera e propria campagna che porterà gli oncologi in dieci città italiane per parlare esclusivamente agli anziani di lotta alle neoplasie”. 

 

Il tour è partito il 20 luglio da Torino, per poi fare tappa a Catania, a Bologna, Roma, Milano, passando per Firenze, ancora da Napoli a Trieste, da Ancona a Genova. “Nel nostro tour – prosegue Pinto – approfondiremo, in particolare, la conoscenza del tumore alla prostata che, grazie anche ai nuovi farmaci, può essere gestito bene in età molto avanzata. Oltre il 91% dei pazienti supera la malattia con una buona qualità di vita. A differenza di altri tumori, per quello prostatico non esistono ancora programmi di screening efficaci come la mammografia e il sangue occulto nelle feci. Diffonderemo negli incontri anche un opuscolo che consente ai malati e ai caregivers di conoscere la patologia, capire cos’è e quando può essere fatto il PSA e fornisce consigli pratici su come gestire il forte impatto che la malattia ha nella quotidianità della persona”. 

 

“La nostra azienda è orgogliosa di scendere in campo al fianco degli oncologi in un progetto così importante – afferma il dott. Massimo Scaccabarozzi, Managing Director di Janssen Italia, che rende possibile il progetto – Le campagne focalizzate sulla prevenzione e sulla creazione di cultura sui tumori rappresentano la nuova frontiera nella collaborazione tra società scientifiche e aziende farmaceutiche”. 

 

Tutti i siti Sky