Caricamento in corso...
09 dicembre 2015

Giovani fumatori, al via il nuovo progetto di prevenzione dell’AIOM

print-icon
fum

Getty Images

Un nuovo tour di sensibilizzazione attraverserà più di 100 scuole medie inferiori su tutto il territorio nazionale. Oltre a coinvolgere testimonial del mondo dello sport, verrà realizzata anche un’app dedicata con giochi e quiz

È un dato acquisito che l’età di inizio al fumo si sia abbassata negli ultimi decenni: tra il 1960 e il 1975, infatti, la maggior parte dei ragazzi iniziava a fumare tra i 18 e i 20 anni; oggi invece ben il 72,7% dei tabagisti ha bruciato la prima bionda tra i 15 e i 20 anni e il 12,9% prima dei 15 (indagine Doxa). Numeri che non passano inosservati se si pensa che per un adolescente su quattro, il primo approccio alla sigaretta avviene tra i banchi di scuola. Da qui l’importanza di intervenire con una vera e propria campagna di educazione sui danni del fumo rivolta agli under 14. È quanto sta sviluppando l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), che dopo il successo ottenuto con il progetto di prevenzione primaria “Non fare autogol” in tour tra gli istituti superiori di tutta Italia, ora si porta nelle classi delle scuole medie inferiori. Scopo? Insegnare ai ragazzi che per mantenersi a lungo in salute, ‘avere una bionda per amica non conviene’. 

 

“Il nostro obiettivo – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM – è educare e responsabilizzare i giovanissimi sulla pericolosità e le conseguenze del fumo. A partire da gennaio 2016 l’iniziativa interesserà oltre 100 scuole medie inferiori dislocate su tutto il territorio nazionale fino al termine dell’anno scolastico con lezioni frontali e un concorso a premi per il miglior spot e slogan contro il fumo. Infatti, per raggiungere anche tutti gli altri istituti italiani che non potranno essere coinvolti nel programma di lezioni frontali sarà registrata una lezione-video con il testimonial che sarà pubblicata e diffusa su un sito internet dedicato alla campagna. Tutte le scuole italiane saranno invitate a proiettare questa lezione ‘speciale’ di approfondimento e prevenzione sul fumo in classe”. 

 

Tra gli aspetti più originali del progetto, anche  una app dedicata con giochi e quiz per illustrare ai ragazzi la pericolosità di questo vizio e i benefici che derivano da stili di vita sani. protagonisti di questo mondo virtuale per la prevenzione anche la campionessa italiana di tennis, Flavia Pennetta.

 

“Il nostro progetto avrà anche una forte ricaduta sui social network che per gli adolescenti rappresentano spesso la più importante fonte di informazione. – conclude il prof. Pinto –. Tutti gli alunni coinvolti parteciperanno a un campionato della salute: ogni settimana sul sito internet e sulle piattaforme social dedicate alla campagna sarà predisposto un gioco a quiz sul fumo. Il campionato della salute e l’app diventeranno veri e propri strumenti interattivi e didattici, che forniranno ad alunni e insegnanti informazioni e approfondimenti sul tema”.

 

Tutti i siti Sky