Caricamento in corso...
28 dicembre 2015

Un’app e lezioni interattive, la ricetta dell’AIOM contro il fumo

print-icon
fum

Getty Images

Ai nastri di partenza una nuova campagna di sensibilizzazione dell’Associazione Italiana di Oncologia. Coinvolte più di 100 scuole medie inferiori di tutta la Penisola attraverso un “campionato della salute” e materiali informativi in formato digitale

Da una penisola “fumosa”, attraverso sfide e singoli scontri per debellare il vizio, verso una no-smoking zone. Sarà questo il mondo virtuale della prima app italiana che sarà lanciata nei prossimi mesi dall’Associazione Italiana di Oncologia (AIOM) per allontanare gli adolescenti dal vizio del fumo e dai danni del tabacco, principale fattore di rischio di molte malattie respiratorie nei giovani che possono degenerare in cancro da adulti. 

 

“La nuova campagna di sensibilizzazione ai nastri di partenza coinvolgerà più di 100 scuole medie inferiori di tutta la Penisola, che saranno coinvolte anche in un campionato della salute e far comprendere ai giovanissimi che un il fumo è un pessimo alleato della loro crescita e del loro benessere. – spiega il prof. Carmine Pinto presidente AIOM – In Italia si contano oltre 11 milioni di fumatori e una media annua di 100mila nuove diagnosi di tumore dovuto al fumo. Sono i numeri di un’epidemia evitabile se consideriamo che il 25% dei quindicenni italiani ha iniziato a fumare alle medie. Per questo come società scientifica vogliamo intervenire e portare la prevenzione sia nelle elementari che nelle medie, rivolgendoci a bambini e ragazzi in età evolutiva, in una fase in cui l’apprendimento è particolarmente rapido e immediato e in cui si possono fissare comportamenti, che poi permangono anche nell’età adulta. Dare il giusto esempio e informazioni adeguate a questa età sul fumo aiuterà questi giovani a diventare adulti consapevoli e quindi a tenerli lontani dal vizio delle bionde”. 

 

Per raggiungere i suoi scopi la campagna prevede non solo incontri frontali nelle scuole, ma anche strumenti interattivi per dialogare con gli adolescenti di tutta Italia: un sito internet dedicato alla campagna, lezioni video registrate da proiettare anche a scuola, un opuscolo informativo scaricabile on-line e un’app educativa. 

 

“Vogliamo parlare agli adolescenti utilizzando gli strumenti che più utilizzano come internet e gli smartphone per veicolare messaggi su sani stili di vita, a partire dalla lotta alle sigarette – prosegue ancora il prof. Pinto – Il nostro progetto avrà quindi una forte ricaduta sui social network che per gli adolescenti rappresentano spesso la più importante fonte di informazione. Tutte le classi coinvolte parteciperanno inoltre a un campionato della salute: ogni settimana sul sito internet e sulle piattaforme social dedicate alla campagna sarà predisposto un gioco a quiz sul fumo. Il campionato della salute e la app che stiamo realizzando, diventeranno uno strumento interattivo e didattico, che fornirà ad alunni e insegnanti informazioni e approfondimenti sul tema”. 

 

“Siamo orgogliosi di supportare questo progetto – aggiunge la dott.ssa Nicoletta Luppi, amministratore delegato di MSD Italia che sostiene l’intero progetto – Abbiamo l’obiettivo ambizioso di migliorare le condizioni di salute e il benessere della comunità. Ogni giorno ci impegniamo sia per scoprire, sviluppare e rendere disponibili trattamenti innovativi per aiutare, in maniera efficace ed efficiente, quei pazienti che purtroppo sono colpiti da malattie gravi e di forte impatto sociale. E ci impegniamo anche per supportare la prevenzione attraverso la promozione di stili di vita corretti, arma vincente per prevenire e sconfiggere il cancro”.

 

Tutti i siti Sky