Caricamento in corso...
29 novembre 2008

Inghilterra ko. All Blacks padroni d'Europa

print-icon
ing

Il neo zelandese Ali Williams ruba palla in cielo al capitano inglese Steve Borthwick

TEST MATCH. Terzo grande Slam delle isole britanniche per la Nuova Zelanda dopo quelli del 1998 e del 2005. A Twickenham, Carter e compagni hanno travolto la squadra di Martin Johnson 32-6. Australia sconfitta in Galles 21-18

Terzo Grande Slam europeo per la Nuova Zelanda, dopo quelli del 1978 e 2005. Dopo aver battuto Scozia, Irlanda e Galles, gli All Blacks hanno superato anche la quarta delle isole britanniche, l'Inghilterra. La squadra di Martin Johnson è stata battuta a Twickenham 32-6 al termine di una partita emozionante e a tratti spettacolare. Gli All Blacks avevano chiesto ai giocatori inglesi di rispettare la Haka. Che è stata però eseguita in condizioni particolari, con i tifosi che hanno 'coperto' le urla della famosa danza tribale cantando per tutto il tempo.

I neozelandesi hanno sofferto in più di una occasione la grinta dell'Inghilterra (spesso eccessiva come dimostrano i 4 cartellini gialli rimediati), ma soprattutto nel secondo tempo sono riusciti a prendere il sopravvento sugli avversari. Ai piazzati di Flood e Armitage i neozelanesi hanno risposto con tre mete (due di Muliaina e una di Nonu) e con 17 punti di Carter, autore di cinque piazzati e una trasformazione.

Il Galles ha sconfitto per 21-18 questo pomeriggio l'Australia al Millennium Stadium di Cardiff nel test-match che ha chiuso il novembre internazionale del rugby. Vittoria firmata dalle mete di Shane Williams (4'), domenica scorsa incoronato dall'IRB miglior giocatore del 2008, e Lee Byrne (31') e dai calci di Stephen Jones, autore di una trasformazione, due piazzati (28' e 77' e di un drop (67'). Per i Wallabies, mete di Mark Chisholm (13') e Digby Ioane (79'), con Matt Giteu autore di una trasformazione, un drop (25') e un piazzato (47'). Wallabies che hanno giocato per dieci minuti in inferiorità numerica per effetto del cartellino giallo rimediato da Stpehen Moore al 28'.

Tutti i siti Sky