Caricamento in corso...
20 novembre 2010

Mallet pensa positivo: "Siamo vicini alle grandi"

print-icon
spo

Wallabies troppo forti per gli azzurri

Dopopartita all'insegna dell'ottimismo per allenatore e capitano della nazionale che nonostante la sconfitta si sbilancia: "Postivo l'esordio di Gori, possiamo competere con Scozia, Fiji e Irlanda".

Sfoglia l'Album del Rugby

Guarda gli highlights dei test match


Facce scure come al solito ma anche soddsfatte nello spogliatoio azzurro. Non come Verona insomma anche se le sconfitte dei test match adesso sono già due. L'allenatore azzurro Nick Mallett ha detto "Abbiamo tenuto una buona disciplina sul campo, la difesa è stata molto efficace ed ha placcato molto bene per tutta la partita. Sono soddisfatto dell'attitudine mostrata dalla squadra per tutto l'incontro e anche i trequarti abbiano fatto vedere buone cose: il lavoro offensivo di Troncon e di Omar Mouneimne dal punto di vista della difesa sta dando frutti. Dobbiamo continuare a lavorare, ma lo spirito e la determinazione di una squadra si vedono soprattutto da come questa difende ed in questo senso la nostra prestazione di oggi è stata positiva. Peccato per la meta finale, credo che 14-25 per l'Australia sarebbe stato il risultato più giusto. Sapevo che schierare Gori dall'inizio sarebbe stato considerato un rischio, ma io conosco bene questo ragazzo e so che anche se ha solo vent'anni era maturo abbastanza per reggere la pressione di un match come questo. Anche Orquera all'apertura ha giocato bene".

Nick Mallett, CT Italia: "All'Italia non manca molto per poter compiere imprese come quella che ha compiuto oggi la Scozia battendo il Sudafrica ad Edinburgo. Penso che Italia, Samoa, Scozia, Irlanda siano oggi allo stesso livello, una molto vicina all'altra. E' vero, la Scozia ha battuto il Sudafrica oggi ma la settimana scorsa è stata travolta dagli All Blacks, mentre noi siamo stati a livello dell'Argentina".

Sergio Parisse, capitano Italia: "Siamo molto più soddisfatti di una settimana fa, l'Australia gioca un rugby molto veloce e difficile da difendere e abbiamo tenuto bene contro il loro attacco. L'ultima meta è stata un regalo da parte nostra, ci dispiace ma non cambia la sostanza del match. Siamo contenti della sua prestazione, Nick ha preso la responsabilità nell'utilizzo di Edoardo dall'inizio ed è stata una scelta che ha pagato positivamente".

Tutti i siti Sky