Caricamento in corso...
21 novembre 2010

Rugby migration: in viaggio sul treno del sogno svanito

print-icon
ban

Colazione pesante per Griffen e Robertson alle prese con i tifosi azzurri

Da Milano a Firenze insieme ai tifosi italiani per seguire Italia-Australia, test match vinto dai Wallabies 32-14. Banda, vino, pane e salame e tanta allegria sul Frecciarossa con Griffen, Robertson e la tribù dei tifosi della nazionale. GUARDA LE FOTO

Sfoglia l'Album del Rugby

Guarda gli highlights dei test match


di Marcello Barisione

Basterebbe il viaggio con gli amici del rugby per giustificare una trasferta. Se poi ci sono anche super treno con banda, celebrità e un test match internazionale il sabato perfetto è pronto, confezionato e in partenza con il Treno del Rugby.
Lo si capisce subito che l'atmosfera è particolare:a Milano Rogoredo l'aria che si respira è quella della grande festa di sport e il Frecciarossa che arriva in stazione è accolto da applausi e dal ritmo travolgente di trombe e tamburi di cinque scatenati musicisti ingaggiati direttamente dagli organizzatori. Assieme al treno arrivano tra l'entusiasimo dei tifosi anche Paul Griffen e Kaine Robertson azzurri dei passati Sei Nazioni, testimonial d'eccellenza del primo treno interamente dedicato al popolo azzurro del rugby.

La sveglia non è nemmeno di buon'ora: il treno parte alle 11 e in soli novanta minuti si arriva praticamente dentro lo stadio, alla stazione di Campo di Marte proprio dietro alla famosa Curva Ferrovia. Niente cappuccino e brioches quindi, meglio pane, salame e birra, ovviamente in divisa sociale oppure con maglia della nazionale e gadget annessi.
Bastano 5 minuti di viaggio e il lussuoso Frecciarossa è già un lunghissimo pullman di rugbysti in trasferta con l'aggiunta delle fidanzate, degli amici e di qualche fotografo. Tromba, tamburo e trombone girano tra i vagoni e classici cori dei rugbysti in poco tempo conquistano tutti gli appassionati compresi Paul e Kaine presi d'assalto dai loro tifosi. Tra le foto di rito per i due azzurri, saliti sul treno anche per promuovere il prossimo mondiale neozelandese, il viaggio passa veloce, giusto il tempo di finire i salumi stivati per il viaggio di andata.

Sul Treno del Rugby si contano moltissime squadre del nord italia che hanno scelto il Frecciarossa per raggiungere Firenze. Ci sono le squadre di Milano: l'Asr, l'Amatori e la Grande Milano che per festeggiare offrono vino, pane e salame a chiunque passi dalla loro carrozza. Più avanti c'è il Rugby Rho, elegantissimo con le sue sciarpette e felpe alla moda, vicino al Parabiago e al Cernusco. La carrozza numero otto è di proprietà del Delebio, rigorosamente in divisa ufficiale. A sorpresa scoviamo anche una famiglia australiana con tanto di magliette, sciarpe e un Wallabie di peluche per i piccoli. Chi vince? A calcio l'Italia, ma a rugby è tutta un'altra storia. Lo sanno di certo anche i più rumorosi: i Mastini di Melegnano che, dopo la conquista dell'intero vagone al ritorno sono fisicamente a pezzi al termine di una giornata infinita. L'ora e mezza verso Milano serve per recuperare le energie con un sonno quasi globale coccolati dal super treno, puntuale e veloce. L'Italia ha perso, sconfitta onorevole? Probabilmente sì, ma poco importa. Per i Mastini e tutti gli altri è stata una giornata emozionante e perfetta.

Guarda anche:
Italia, il treno dei sogni. Che entusiasmo verso Firenze!

Commenta nel forum di Rugby

Tutti i siti Sky