Caricamento in corso...
26 settembre 2011

Ati&Ele, disperate (ma non troppo) in Nuova Zelanda

print-icon
sta

Ati ed Eleonora, le donne 'disperate' del rugby italiano in Nuova Zelanda (foto Facebook)

Parafrasando le ‘Desperate housewives’, la moglie di Mirco Bergamasco e la compagna di Gonzalo Canale hanno creato una pagina Facebook che sta spopolando sul web. “La tecnologia ci sta aiutando molto”, ammettono. Domani Italrugby in campo con gli Usa

FOTO: Sfoglia l’album dei Mondiali di rugby 2011 - Fuori programma: un nudista in campo... - Il bello della palla ovale: le Wags dei Mondiali di rugby - Gli All Blacks contro i leoniCapitano mio capitano: Parisse, il leader maximo dell’Italrugby

di Claudio Barbieri

L'idea gli è venuta mentre stavano attendendo le valigie all'aeroporto Charles De Gaulle di Parigi con destinazione Nuova Zelanda. “Quando ho visto l'etichetta "Economy" sui nostri bagagli e riflettendo che le nostre dolci metà avevano viaggiato in Business, abbiamo pensato che eravamo delle Desperate Rugby-Wives”. Le dolci metà in questione sono Mirco Bergamasco e Gonzalo Canale, perni della Nazionale italiana di rugby che martedì affronta gli Stati Uniti nel terzo incontro del Mondiale.
Loro, le ‘donne disperate’ che fanno il verso a Eva Longoria e compagnia, sono Ati, moglie di Mirco, ed Eleonora, fidanzata del trequarti-centro italo-argentino, che hanno pensato di realizzare un vero e proprio diario della loro avventura dall’altra parte del mondo attraverso il social network più diffuso del globo: Facebook.

Nella loro pagina c’è tutto il Mondiale dell’Italrugby visto con gli occhi delle compagne innamorate. “Il mio marito sexy ha segnato sei punti, sbagliando solo un calcio. Sono orgogliosa di lui”, scrive Ati relativamente alla sconfitta inaugurale con l’Australia. Ma nei loro racconti non c’è solo la palla ovale. Sono infatti molti i post in cui le due ‘disperate’ raccontano di divertenti aneddoti, viaggi infiniti e paesaggi paradisiaci.
Ermy, un’amica internettiana, chiede alle due se sono gelose dei loro uomini: “Un po’ di gelosia c’è, ma fa piacere avere un compagno ammirato da tutte le donne”, scrivono. Durante la trasferta neozelandese, internet aiuta ad azzerare la regola che vuole mogli e fidanzate dei giocatori alloggiate in alberghi diversi da quelli utilizzati dagli azzurri: “Fortunatamente la tecnologia ci assiste, comunque riusciamo a vederci spesso”, ci scrive Eleonora. “Anche se per noi é sempre poco... infatti siamo Disperate!!”, incalza Ati.

Ma come trascorrete il vostro tempo in Nuova Zelanda? “Facendo all'amore!”, risponde Eleonora, ancora una volta seguita dall’amica: “Anche io vorrei che io e Mirco facessimo come Ele e Gonzalo, ma la camera è sempre occupata!! Scherzi a parte, visitiamo dei luoghi incredibili e incontriamo delle persone estremamente gentili e generose”.
D’obbligo un pronostico: ci qualificheremo per questi benedetti quarti di finale? E se lady Canale non si pronuncia (“Scaramanzia”), è la signora Bergamasco a sbilanciarsi: “Ho già in mente un bell’album fotografico per Wellington... quindi bisogna andarci assolutamente!”. Dove si giocherà l’eventuale quarto di finale degli azzurri? Al Westpac Stadium di Wellington naturalmente…

Riuscirà l’Italrugby a centrare i quarti? Dì la tua sul forum

Tutti i siti Sky