Caricamento in corso...
15 novembre 2012

Rugby contro Football: è una sfida con i baffi

print-icon
mov

La locandina dell'evento benefico

Quale dei due sport è più maschio? Basta metterli l'uno contro l'altro, ma solo per beneficenza nel mese all'insegna della prevenzione delle malattie maschili. Un'iniziativa a Cernusco che farà gola a tutti i cultori del pallone ovale, qualsiasi esso sia

Novembre e rugby. Una accoppiata che di solito significa test match, ma che da qualche anno vuol dire Movember. Cioè il mese in cui i rugbisti si fanno crescere i baffi per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla lotta contro il cancro alla prostata. Un'iniziativa che è sbarcata da alcuni anni anche in Italia e che ogni anno riscuote sempre più successo. Farsi crescere i baffi diventa cosi un modo per promuovere una campagna di prevenzione e di donazione che di anno in anno si struttura sempre più pesantemente in tutto il mondo.

Cosa è Movember? Durante il mese di novembre di ogni anno l’associazione Movember chiede a tutti gli uomini del mondo di farsi crescere i baffi allo scopo di raccogliere fondi e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate alla salute maschile, in particolare sul tumore alla prostata. I partecipanti maschili (Mo Bros) aiutano a cambiare il volto della salute maschile diventando cartelloni pubblicitari ambulanti e parlanti per l’intero mese di novembre. Con le loro azioni e le loro parole sensibilizzano l’opinione pubblica, stimolando un dibatto sia privato che pubblico sulla problematica della salute maschile.

Rugby Cernusco
e Martesana Daemons per l'occasione hanno deciso l'impossibile e si sfideranno per beneficenza. Nessuno ci ha mai provato fino ad oggi. Rugbysti e gladiatori del football che si scambiano ruoli e sport e che provano a giocare insieme. Metà tempo a Rugby, poi il tempo di cambiarsi per indossare casco e paraspalle e di nuovo in campo, questa volta per disputare un incontro di Football. E tutti rigorosamente con i baffi! Lo scopo della epica sfida, di cui non si conoscono precedenti , nasce per coinvolgere anche il pubblico italiano nella edizione 2012 di “Movember” associazione internazionale il cui scopo è sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate alla salute maschile ed in particolare sul tumore alla prostata.

La sfida: due squadre miste formate da giocatori di Rugby e di Football giocheranno un tempo al nobile sport nato nel 1823 in Inghilterra ed un altro al più recente gioco che fa letteralmente impazzire gli Stati Uniti e che ha un grande seguito anche in Italia. Per l’occasione lo staff tecnico del Rugby e quello del Football hanno creato un regolamento speciale ed una panchina con due “Coach” di sport diversi , fianco a fianco per cercare di indovinare la giocata o lo schema vincente. Unico obbligo? Tutti con i baffi o non si entra in campo.

Appuntamento venerdi 16 novembre alle 20.30 con l’entrata in campo degli atleti e alle 21 per il calcio di inizio presso il Centro sportivo Comunale di Cernusco sul Naviglio. Intanto in riva alla Martesana la Club House del Rugby Cernusco sarà il punto di riferimento per ospiti e spettatori che potranno assistere alla gara ed assaggiar e in esclusiva il Movember Cocktail. A bordo campo lo spettacolo sarà assicurato dalle “Glitters”, le cheerleaders dei Daemons. Al termine della gara ci saranno le premiazioni, una breve conferenza stampa dedicata all’evento ed un rinfresco offerto dal Rugby Cernusco e dai Deamons che festeggeranno assieme agli ospiti in un ideale terzo tempo durante il quale comincerà ufficialmente la raccolta dei fondi destinati alla associazione ovviamente in un enorme salvadanaio coi baffi. “Non avremmo mai pensato di giocare sul nostro campo a Football” spiega Mauro Gazzoni, allenatore del Rugby Cernusco “i nostri sport sono molto diversi ma per “Movember” siamo disposti ad imparare e a metterci anche i caschi”. “Siamo convinti che anche i rugbysti di tanto in tanto sognino di fare touchdown o di lanciare una palla in avanti” aggiunge Pietro Marotta head coach dei Daemons “ e noi non vediamo l’ora di sporcarci di fango”.

Tutti i siti Sky