Caricamento in corso...
01 novembre 2013

Buon compleanno rugby, 190 anni nella mischia

print-icon
spo

Primo novembre 1823: secondo la leggenda è questa la data in cui nacque il rugby (Foto Getty)

La leggenda racconta che il primo novembre 1823, alla Rugby School , William Webb Ellis "con disprezzo delle regole del football dell'epoca, prese il pallone tra le braccia e inizò a correre, dando origine alla principale caratteristica del gioco"

E' leggenda, più che storia, ma il primo novembre 2013, il rugby compie 190 anni. Infatti, la leggenda vuole che il primo giorno di novembre del 1823 alla Rugby School, William Webb Ellis “con grande disprezzo delle regole del football così com'era giocato a quell'epoca, prese il pallone tra le braccia e corse con quello, dando origine alla principale caratteristica del gioco del rugby". A William Webb Ellis è intitolata la Coppa del Mondo ed è infine bello credere a questa leggenda, anche se sappiamo che la storia vera è ben diversa e non c’è nessun rapporto causa-effetto tra la corsa di Webb Ellis e la nascita del rugby.

All Blacks in Giappone
- La Nuova Zelanda concede l’onore di un test match al Giappone. Sabato al Prince Chichibu Memorial Stadium di Tokyo, per la prima volta fuori dalla World Cup, si affronteranno Giappone e All Blacks. E' la sfida tra la prima del ranking mondiale e la quindicesima, con il risultato scontato in partenza. Per gli All Blacks è un match dove dare spazio a qualche giovane, anche se ci sono due maglie anche per Richie McCaw e il rientrante Dan Carter. Più che lo sport, in questo caso, conta il business, e l'apertura di un mercato importante, in un paese che ospiterà la Coppa del Mondo nel 2019.

Se 700 vi sembrano poche... - Sam Drury ha giocato la scorsa settimana la sua settecentesima partita per l’Osset RUFC. Mica noccioline, perché le ha giocate tutte e settecento da pilone. Per le prime 600, lo sponsor storico della squadra, Osset Brewery gli aveva dedicato una produzione speciale di birra la Sam’s 600. Il nuovo traguardo raggiunto dal quarantanovenne Drury ha spinto l'allenatore dell'Inghilterra Stuart Lancaster a scrivergli una lettera speciale. Anche il favoloso mondo dei piloni si è mosso: il neozelandese Carl Hayman ha twittato i suoi complimenti, Jeff Probyn l'ha intervistato per Talksport. In settimana è stato festeggiato nel club di casa da amici e familiari. Le ultime bottiglie di Sam's 600 sono finite e ancora non si sa se sarà prodotta la SAM’s 700. Che debba arrivare fino a 800?

A.R.

Tutti i siti Sky