Caricamento in corso...
19 settembre 2015

La Francia punisce l'Italia: 32-10 all'esordio, il Mondiale parte in salita

print-icon

La scarsa disciplina degli azzurri regala agli avversari diversi calci piazzati, con cui hanno inflitto ai ragazzi di Brunel la prima sconfitta nella Pool D alla Coppa del Mondo. Positiva la difesa e la voglia: 2-1 il conto delle mete. Ora occorrerà reagire e pensare già al Canada

FRANCIA-ITALIA 32-10

 

Guarda il tabellino e la cronaca del match

 

Il derby d’esordio alla Rugby World Cup dell’Italia è della Francia. I Bleus , in maglia rossa, vanno a prendersi un’importante vittoria nella Pool D per 32-10. Che fosse un impegno durissimo per gli azzurri, lo si poteva  immaginare già alla vigilia, e la mancanza di Sergio Parisse per un infortunio al polpaccio, certo non ha favorito la prova italiana. Alla fine la differenza la fa la scarsa disciplina: 19 calci di punizione concessi (contro 16), di cui 13 nella nostra parte di campo.

 

Partita mai in discussione, sin nei primi minuti. La scarsa disciplina degli azzurri, ha permesso ai francesi di provare subito una prima fuga grazie anche alla precisione sui calci di punizione di Michalak. I ragazzi di Brunel sbloccano il risultato solo al 34’ con un calcio di punizione di Allan. Ma a riposo si va sul 15-3 in favore degli avversari. Apprensione per l’infortunio al tendine d’Achille subito da Masi (costretto a uscire all’11’). 

 

Nella ripresa l’Italrugby rientra con grande aggressività. Ma i francesi vanno subito a punti con Spedding, e poi con la prima meta internazionale di Slimani (la prima alla 18.a presenza in Nazionale), veloce a sfruttare un’invenzione sempre di Michalak. Solo a quel punto l’orgoglio azzurro viene fuori. Dall’ottavo minuto della ripresa, Allan e compagni giocano stabilmente vicinissimi alla linea di meta e mettono in difficoltà la Francia. Dopo essere stati respinti, la meta arriva: ci pensa Giovanbattista Venditti che accorcia sul 25-8, prima del calcio di punizione trasformato da Allan. Col passare dei minuti, però, l’aggressività italiana cala, e i francesi ne approfittano: al 69’ arriva la seconda meta di Mas dopo che la linea azzurra si è fatta infilare da Fickou. Punteggio finale 32-10. L’Italia chiude in attacco, ma non arrivano punti. Meglio pensare subito al prossimo impegno: il 26 settembre alle 15:30 sfidiamo il Canada. Servirà una grandissima reazione.

Tutti i siti Sky