Caricamento in corso...
06 febbraio 2016

Sei Nazioni, la Francia vince ma trema: Italia battuta 23 a 21

print-icon
fra

Italrugby sconfitta allo Stade de France nel match inaugurale del Sei Nazioni 2016 (Foto Getty)

Azzurri sconfitti nella prima giornata del Sei Nazioni giocata allo Stade de France. Tanti debuttanti nella selezione di Brunel, più volte avanti nel corso del match. Nel finale prevale il possesso palla degli avversari e la precisione di Plisson nei piazzati

FRANCIA-ITALIA 23-21

La cronaca del match

Una nuova Italrugby, quella dei tanti debuttanti da Canna a Zanusso, ha seriamente messo in difficoltà la Francia nella prima giornata del Sei Nazioni 2016. Allo Stade de France hanno vinto i Galletti 23-21, ma dalla prova degli azzurri sono arrivati tanti segnali positivi.

Subito Italia - Partono forte i ragazzi di Brunel, che mostrano subito grande voglia e notevole concentrazione. Un mix che all'8' porta al 3-0 grazie al drop dai 35 metri di Canna, mediano d'apertura di Benevento. Bezy, anche lui debuttante ma tra i francesi, al 12' avrebbe l'opportunità di replicare, ma fallisce un piazzato tra i brusii del pubblico di casa. Il vantaggio dura poco, così come l'atteggiamento inaspettatamente remissivo dei francesi. L'Italia non riesce a difendere e ad opporre resistenza quando, al 14', dopo una grande azione dei padroni di casa, Vakatawa tocca il suo primo pallone e va in meta. A dire il vero il centro originario delle Fiji sembra andare oltre la linea laterale con il piede sinistro, ma si va avanti e Bezy conferma di non essere nella sua giornata migliore fallendo la trasformazione: al 15' la Francia conduce 5-3

Momento decisivo - La Francia alterna cariche dritte a movimento del gioco al largo (così come nel caso della prima meta), ma prende anche dei rischi nel tentativo di soddisfare l'esigente pubblico parigino. Dall'altra parte gli azzurri portano una buona pressione e confermano di essere tutti in un'ottima condizione fisica. Convince il numero 10 Canna, anche con i suoi calcetti all'ovale che ricordano un trequartista del calcio 11 contro 11. Insomma, l'Italia c'è e si riporta avanti al 26' a seguito di una spettacolare maul (portatore di palla trattenuto da uno o più avversari) terminata con la schiacciata a terra del capitano Parisse. La meta non viene trasformata da Canna e sfuma il tentativo di dare il primo, forse decisivo, strappo al match. E' 8-5.

La difesa azzurra - Passano i minuti e l'Italia cresce pure in difesa. La trincea preparata Brunel regge, o almeno ci riesce fino a quando una botta di sonno, al 37', porta Chouly ad andare in meta in zona bandierina dopo un'improvvisa accelerata francese. Bezy manco a dirlo sbaglia da fermo e il primo tempo si chiude sul 10-8. La Francia perde Picamoles, terza linea centro del Tolosa infortunatosi alla caviglia destra.

Il secondo tempo - Complicare la loro partita e tenerli lontani dal punto di rottura del match: questo l'obiettivo dell'Italrugby in un secondo tempo dove prima un drop, poi una meta e ancora una trasformazione rendono Canna il protagonista del nuovo sorpasso, 18-10, dell'Italrugby. Il vantaggio si riduce ad un solo punto con la rabbiosa reazione di Bonneval. Meta e trasformazione di Plisson: 17-18 al 61'.

Sorpassi e controsorpassi - Finale di sofferenza. Brunel sceglie l'esperienza di Castrogiovanni e la freschezza di Zanusso. I francesi fanno possesso e cercano quel gioco aereo dove solo Parisse tra i nostri riesce a reggere il confronto. Il sorpasso francese al 69' con Plisson, potente e preciso al piede; il controsorpasso italiano al 74' con Haimona; poi il definitivo 23-21 dei nostri avversari con un Plisson infallibile al 76'. Muove la palla, mette pressione, usa il grubber (calcetto per far rimbalzare il pallone rasoterra) e fa correre gli avversari all'indietro: questa Italia non è impeccabile ma stavolta sembra essere davvero sulla strada giusta per diventare grande. Vedremo.

SCOZIA-INGHILTERRA 9-15

La cronaca del match

Nel secondo match di giornata l'Inghilterra ha battuto la Scozia 15-9 (7-6). Vittoria preziosa per gli inglesi che hanno espugnato il mitico Murrayfield. Domani a Dublino si giocherà Irlanda-Galles.
 

Tutti i siti Sky