La commissione etica della Iaaf ha sospeso per 180 giorni, quindi 6 mesi, il presidente della federazione del Kenya, Isaac Mwangi accusato di aver chiesto soldi ad alcuni atleti per "coprire" alcune vicende di doping. Il provvedimento è stato preso, secondo quanto precisato dall'ente mondiale dell'atletica, "nell'interesse dell'integrità dello sport".

 

La settimana scorsa Mwangi si era autosospeso dal proprio incarico, ora invece arriva il provvedimento a suo carico. Ad accusarlo erano state Joy Sakari e Francisca Koki Manunga, alle quali il dirigente avrebbe chiesto 24mila dollari in cambio dell'insabbiamento dei loro casi.