L'azzurro Stefano Gross ha agguantato un bel terzo posto nello slalom speciale di coppa del mondo di Kranjska Gora. Ha vinto alla grande l'austriaco Marcel Hirscher, 39/a vittoria in carriera per il fresco vincitore di cinque coppe del mondo in serie, con il tempo di 1.46.24. Secondo, e vincitore quindi della coppa di specialità, il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.47.05, davanti a Gross, che ha chiuso in 1.47.35.

Per l'Italia in classifica c'è poi solo Manfred Moelgg, decimo in 1.48.18, mentre Patrick Thaler ha inforcato. La coppa del mondo passa ora in Norvegia, a Kvitfjell: sabato discesa e domenica supergigante. L'azzurro Peter Fill ha la concreta possibilità, quando mancano due gare alla fine della stagione, di vincere la coppa del mondo di discesa, impresa mai riuscita all'Italia.

Dopo la prima manche era già al comando l'austriaco Marcel Hirscher in 51.72, sceso con assoluta scioltezza dopo aver già messo al sicuro con lo slalom gigante la sua quinta coppa del mondo in serie. Era seguito dal francese Julien Lizeroux (52.47) e dal tedesco Fritz Dopfer (52.51) mentre quarto era l'azzurro Stefano Gross in 52.53.

Slalom donne. Con un grandissimo vantaggio, la statunitense Mikaela Shiffrin - al 19.mo successo in carriera oltre a due titoli mondiali e un oro olimpico - ha vinto lo slalom speciale di Coppa del mondo femminile a Jasna, in 1'55"60. Seconda la svizzera Wendy Holdener in 1'57"96, terza la ceca Veronika Velez Zuzulova in 1'58"37. Alla svedese Frida Hansdotter è invece bastato il decimo posto per vincere la coppa di slalom con una gara d'anticipo. Per l'Italia, la migliore è stata Chiara Costazza, undicesima in 2'00"00, seguita da Irene Curtoni, 15/a in 2'01"31. Chiude Federica Brignone, vittima di un curioso e raro incidente visto che le si è spezzato a metà il bastone sinistro, 19.a in 2'01"55. LUnedì a Jasna si recupera lo slalom gigante non disputato sabato a causa di forti raffiche di vento. L'Italia si aspetta ancora una grande gara da Federica Brignone.