Premier League - Dopo 24 giornate arriva la prima sconfitta per il Manchester United. La serie positiva si interrompe contro l'ultima della classifica, il Wolverhampton, che batte 2-1 i Red Devils. La squadra di Ferguson ha aperto le marcature per prima ocn Nani già dopo tre minuti. ma i Wolves hanno subito ribaltato la situazione con Elokobi (10' pt) e Doyle (40' pt). Niente di preoccupante per lo United che in classifica conserva quattro punti di vantaggio sull'Arsenal, ma adesso per Rooney e compagni inizia un periodo molto delicato: la prossima settimana c'è il derby con il City, poi il primo marzo c'è la sfida con il Chelsea, senza contare gli ottavi di finale di Champions.

La giornata ha visto una pioggia di gol in Premiar League: addirittura 41 i gol segnati. E la giornata non è ancora finita: domani c'è infatti il big-match tra Chelsea e Liverpool, con il debutto di Fernando Torres subito avversario dei Reds, e West Ham Birmingham. Oltre al 4-4 tra Newcastle e Arsenal da registrare il pirotecnico 3-2 tra Stoke e Sunderland: ospiti in vantaggio due volte con Richardson e Asamoah; risposta domestica con Carew e, nel finale, con la doppietta di Huth. Nel City di Roberto Mancini tripletta di Tevez (con due rigori) nel 3-0 contro il West Bromwich di Roberto di Di Matteo. Saha fa addirittura meglio e cala il poker personale nel 5-3 dell'Everton sul Blackpool. Il Tottenham batte il Bolton all'ultimo minuto grazie a Kranjcar.

Liga - Il Barcellona batte l'Atlético Madrid con una tripletta di Leo Messi. Con la vittoria di questa sera, il Barca si aggiudica un importante record (condiviso finora con la compagine del Real Madrid targata 1960-'61), quello del numero di vittorie consecutive, sedici in tutto. Il Barcellona dei fenomeni, ora soli detentori del record con 17 vittorie di filato, guida la classifica della Liga con 61 punti, 10 in più del  Real Madrid di Mourinho, in campo domani contro la Real Sociedad.

Commenta nel Forum del Calcio Internazionale


Guarda anche:
Mourinho: "Inter nel cuore, ma resto a Madrid"
Riecco Benitez: "Allenare il Liverpool? Il lavoro dei sogni"